Il presidente americano, #Barack Obama, ha ammesso domenica che Washington “non è stato capace di cambiare le dinamiche” del conflitto in Siria. Ha detto che sono state interrotte alcune operazioni dello Stato Islamico, ma non è bastato per fermare le violenze nella regione. Obama dice che non ci sono dubbi, il programma di addestramento di miliziani ribelli per combattere lo Stato Islamico è fallito. “Siria è un problema molto difficile per la comunità internazionale e, ovviamente, per il popolo siriano, intrappolato tra un brutale dittatore che lancia barili di bombe contro la popolazione e pensa di restare alla presidenza, e un’organizzazione barbara come lo Stato Islamico e fazioni di Al Qaida”, ha detto.

Pubblicità
Pubblicità

Nonostante, il presidente americano ha detto che “con il tempo, la comunità internazionale riuscirà a combatterli. Ma non succederà se non c’è un contesto all’interno della Siria e in alcune zone dell’Iraq dove le popolazioni sunnite locali si coordino con gli Stati Uniti per lavorare insieme”. #Esteri