Mentre il governo Renzi sta lavorando alla manovra di fine anno per l'approvazione della Legge di Stabilità, con l’annuncio del premier democratico del taglio delle tasse, tra slide e tweet, e a quasi nove mesi dalle prossime #Elezioni Amministrative 2016, sono arrivati i risultati del sondaggio Ixè, Swg e del sondaggio segreto reso noto della Stampa, che ha mostrato il M5S primo partito a Roma e Napoli.

Dunque, nonostante l'Esecutivo abbia dato il via libera agli accrediti a pioggia di 500 euro per l’auto-formazione degli insegnanti, il sondaggio Ixè realizzato per Agorà ha mostrato il blocco del Pd al 34,4%, il M5S in lenta e costante crescita al 26,5%, la Lega Nord in calo al 14,7%, Forza Italia di Silvio Berlusconi al 9,5%, Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni al 2,8%, NCD di Angelino Alfano al 3,9%, Sinistra Ecologia e Libertà al 3,9%, Scelta Civica allo 0,2%; mentre le coalizioni dei listoni hanno dato il CSX al 39,6%, CDX al 31,4%, e M5S al 26,5%.

Pubblicità
Pubblicità

Sondaggio Swg: crescono M5S e Lega 

Anche l’Istituto di sondaggio più favorevole al Pd ha mostrato il Pd impantanato al 34,4% insieme al Ncd al 3,1% e a Forza Italia, che nonostante il ritorno in campo di Silvio Berlusconi si attesta al 10,2%, e in questa fase d’incertezza cresce il M5S al 26,1%, la Lega Nord e Noi con Salvini al 15,8% e Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni al 4%, invece crolla Sel al 2%, Rifondazione Comunista 1,1%; indecisi - astenuti al 44,7%.

Roma e Napoli del M5S al 32%

Mentre il sondaggio “segreto” reso noto dalla Stampa e dal blog di Beppe Grillo ha rivelato che il M5S alle prossime Amministrative potrebbe superare il Pd di Renzi arrivando al 31,8% dei consensi a Roma e Napoli, mentre il Pd crollerebbe al 19,7% e Forza Italia al 9%, e questa ipotetica e clamorosa vittoria del M5S potrebbe delineare e sconvolgere il futuro dello scenario politico e mettere in pericolo la maggioranza del governo Renzi.

Pubblicità

Intanto il Presidente del Consiglio e segretario del Pd #Matteo Renzi, travolto dallo scandalo del sindaco dimissionario Ignazio Marino, ad oggi sempre più presente e attivo in Campidoglio, e ancora senza candidati democratici da far scendere in campo, potrebbe far slittare il voto a metà giugno a Milano, Bologna, e Napoli, e rinviare le Elezioni Amministrative a Roma a causa del Giubileo, e anche per avere tempo di riorganizzare anche la grande scissione dei dem.

Se volete rimanere aggiornati sui #Sondaggi politici vi invitiamo a cliccare su “Segui” sotto il titolo dell’articolo.