L'avevano annunciato e alla vigilia dell'incontro bolognese che raccoglierà gli esponenti della destra italiana nel paese nasce un nuovo gruppo - Sinistra italiana, per l'appunto - che da oggi in poi potrà contare 31 deputati tra Sel ed ex #Pd. Ad accogliere la nascita del nuovo gruppo politico, nel teatro Quirino di Roma, una discreta folla di militanti. Le persone erano talmente tante che almeno tre deputati sono usciti dal teatro per portare 'in strada' le idee che si stavano discutendo all'interno.

Bersani: 'Andarsene è un errore'

La nascita del movimento, però, non è stata accolta positivamente da tutti, incluso chi è rimasto nel PD come #Pierluigi Bersani, recentemente tirato in ballo da alcune dichiarazioni - subito smentite - di Salvatore Buzzi.

Pubblicità
Pubblicità

Alle dichiarazioni dell'ex segretario del PD è subito arrivata la risposta di Stefano Fassina, uscito dal PD proprio per fondare Sinistra italiana. "Ci hanno accusato di fare il gioco della destra ma non è così - ha detto Fassina durante il suo intervento nel teatro Quirino -. Dispiace per le parole di Bersani: il gioco della destra lo fa chi fa la destra con il jobs act, con l'intervento sulla scuola, con l'Italicum, con la riforma del Senato e della Rai".

Bersani, in un'intervista a Repubblica, aveva affermato che l'alternativa fosse da ricercarsi proprio all'interno del PD, il partito da cui sono fuggiti alcuni dei membri del nuovo soggetto politico nato ieri a Roma. "Italia più giusta": sono queste le parole con cui Fassina ha definito il punto di arrivo della sua nuova avventura, "una tappa decisiva di un cammino impervio ma necessario".

Pubblicità

Per il nuovo gruppo, che sarà presente sia nella Camera sia in Senato (seppur con tempi diversi), pronto anche il logo che ieri spiccava sopra le teste delle persone intervenute sul palco del teatro Quirino: Sinistra italia, in rosso su sfondo giallo. Ai lati due slogan: La sinistra che cambia e Investire per innovare.

Un'alternativa agli 'Happy days'

Quello a cui il nuovo gruppo si sta contrapponendo è il clima (e in particolare il liberismo) da 'Happy Days' lanciato da #Matteo Renzi, premier e fautore del nuovo corso del Partito Democratico che ha salutato la nascita di questo nuovo soggetto politico con queste parole: "La sinistra ideologia non vincerà mai". I numeri di ieri però non sono definitivi, anzi, potrebbero aumentare da un momento all'altro. A dirlo è l'ex PD Alfredo D'Attorre, che parla di future adesioni e di una riflessione ancora in corso per almeno una decina di membri del Partito democratico. 

Gli unici momenti di tensione hanno riguardato la notevole affluenza del pubblico.

Pubblicità

Non tutti, infatti, sono riusciti a entrare all'interno del teatro Quirino e hanno protestato, urlando "La sinistra siamo noi". Una protesta accompagnata dall'intonazione di Bella ciao e seguita dagli interventi di alcuni deputati fuoriusciti dal teatro per portare la discussione tra la gente. a battezzare la nascita di Sinistra italiana anche un messaggio della presidente della Camera, Laura Boldrini: "In tempi in cui continua a soffiare forte il vento del cosiddetta anti politica è invece di buona politica che c’è bisogno".