Dopo la manifestazione messa in atto dal nuovo raggruppamento di centrodestra nato sostanzialmente ieri a Bologna, quando all'organizzatore originario, ossia il leader della Lega Nord #Matteo Salvini si sono aggiunti Silvio Berlusconi, in rappresentanza di Forza Italia, e Giorgia Meloni per Fratelli d'Italia, sono scattate le dure risposte dei movimenti politici a cui sono state rivolti degli attacchi. In particolare, il Movimento 5 stelle non le ha mandate a dire, per voce del senatore Nicola Morra.

Morra: "Salvini ameba, in un altro paese sarebbe stato politicamente spazzato via"

Il senatore dei pentastellati è intervenuto telefonicamente alla trasmissione radiofonica Ecg Regione, all'interno di Radio Cusano Campus, rispondendo prima alle accuse lanciate da Berlusconi, per cui il Movimento 5 stelle sarebbe una banda di balordi e #Beppe Grillo avrebbe un linguaggio come quello utilizzato da Hitler, e poi commentando le dichiarazioni di Salvini.

Pubblicità
Pubblicità

Dell'ex premier Nicola Morra ha detto: "Berlusconi dice ciò perchè di questi tempi non si sa mai, bisogna temere questa banda di onesti. Stiamo capovolgendo la realtà e la verità, con persone che hanno condanne, prescrizioni e problemi giudiziari passati, che vogliono dare lezioni morali a chi viceversa pretende che chiunque vada a servire lo Stato abbia una fedina penale totalmente linda". Poi chiude l'argomento così: "naturalmente queste accuse non ci sfiorano nemmeno perchè relative a personaggi del tutto ridicoli e appartenenti alla storia del passato".

Per quanto riguarda il leader della Lega Salvini, Morra è ancor più duro: "Salvini? E' un personaggio che campa di politica dal 1993, nonostante tenti di presentarsi come il nuovo che avanza. E' semplicemente una barzelletta della politica italiana, questo perchè diamo ancora credito a questo tipo di personaggi che non meritano nessuna considerazione e che politicamente parlando, in altri paesi sarebbero stati spazzati via".

Pubblicità

Ecco il video che contiene l'intervento senza peli sulla lingua di Nicola Morra:

#M5S