Il Movimento 5 Stelle è inarrestabile. Dai nuovi sondaggi elettorali politici emerge un dato importantissimo, il raggiungimento di quota 28,5 percento da parte dei 5 Stelle di Grillo, ormai ad un passo dal 30 percento. Soltanto un punto e mezzo percentuale separa i grillini da quota 30, un traguardo fino a pochi mesi fa forse insperato ma che, giorno dopo giorno, sta diventando realtà. E se il M5S cresce, il Pd scende. I democratici, stando ai sondaggi Ipsos, rispetto all'ultima rilevazione di settembre perdono lo 0,2 percento, attestandosi al 32,9 percento. 

Sondaggi, M5S ad un passo da quota 30

Abbiamo analizzato la forza del Movimento 5 Stelle in un articolo di questa mattina inerente il capitolo pensioni.

Pubblicità
Pubblicità

Il comportamento dei pentastellati unito alla serietà e determinazione mostrate in questi mesi, fanno sì che il Movimento di Grillo acquisti sempre più consapevolezza dei propri mezzi, rendendosi protagonista di una cavalcata politica senza precedenti, o quasi. Ad oggi il M5S è dato vicino a quota 30 percento, facendo registrare, per l'istituto Ipsos, un balzo dell'1,5 percento rispetto al sondaggio dello scorso 19 settembre, quando i grillini erano dati al 27 percento. La rimonta sul Partito democratico ancora non è completata ma se i 5 Stelle dovessero confermare il trend degli ultimi dati i primi mesi del 2016 o addirittura già il prossimo mese di dicembre potrebbe essere quello "giusto" per il clamoroso sorpasso al partito di maggioranza. 

E se il Movimento 5 Stelle ride, il Centrodestra piange.

Pubblicità

Forza Italia viene data in calo dell'1,1 percento, a quota 11,7 percento dalla precedente percentuale del 12,8%. In flessione anche la Lega Nord, che comunque contiene la perdita in un modesto 0,2 percento (da 13,7 di settembre a 13,5% di oggi). L'unica forza politica della coalizione di Centrodestra che fa registrare il segno + è Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni, che sale al 4,4 percento, una crescita dello 0,9 percento rispetto a due mesi fa. Intanto Salvini è stato protagonista in Abruzzo (Montesilvano, Pescara) domenica mattina di un comizio che ha avuto come tema, tra gli altri, anche quello dell'immigrazione. Un passaggio dell'intervento del leader della Lega Nord: "In Francia hanno un presidente del Consiglio che ha detto da subito espelliamo e controlliamo i confini. I francesi - ha continuato Salvini - hanno vissuto un disastro ma con orgoglio. L'Italia - ha concluso il numero uno del Carroccio - attende non si sa che cosa e spera che Dio ce la mandi buona affidandosi ad Alfano". Per restare aggiornati sui nuovi dati di fine novembre, per scoprire se il M5S "pareggerà i conti" con il Pd, cliccate il tasto 'Segui' in alto a destra. #Sondaggi politici