Festività natalizie abbastanza movimentate in diverse carceri italiane: mentre proseguono le iniziative dei radicali per #amnistia e #indulto e le visite di diversi parlamentari per la verifica della situazione carceraria e delle condizioni dei detenuti, gravi episodi continuano a registrarsi in questi giorni negli istituti penitenziari. Nel frattempo, dal Governo Renzi arrivano ulteriori rassicurazioni sui miglioramenti della situazione carceraria alla luce delle misure già adottate - dalla legge sulle pene alternative al decreto svuota carceri fino alla depenalizzazione dei reati lievi - e da quelle allo studio dell'esecutivo.

Carceri, tensioni a Natale: tentato omicidio a Salerno, aggressioni a Sassari

''Nel giorno della vigilia di Natale - ha comunicato in una nota il segretario Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe - un detenuto ha tentato di sgozzare il compagno di cella a Salerno, usando - ha spiegato - il vetro di una bottiglia di spumante incredibilmente - ha denunciato Donato Capece - autorizzata ad entrare in cella".

Pubblicità
Pubblicità

Ma non è l'unico fatto di cronaca che arriva dal pianeta carceri in questi giorni natalizi. A Magnano in Riviera (Udine), l'auto di un agente di polizia penitenziaria in servizio nel carcere di Udine è stata incendiata la notte scorsa, come ha denunciato il Sappe esprimendo solidarietà al collega per "questo grave e inquietante episodio". Ieri, giorno di Natale, nel carcere di Bancali a Sassari violenta aggressione da parte di un carcerato contro alcuni poliziotti penitenziari.

Indulto e amnistia, Ferri: appello di Bergoglio punto di partenza straordinario

Intanto, proseguono le visite nelle carceri in questi giorni natalizi e in attesa di risposte all'appello del Pontefice per l'amnistia. "Il messaggio di #Papa Francesco - ha detto il sottosegretario alla Giustizia Cosimo Maria Ferri a margine della cerimonia di apertura della Porta Santa da parte dell'arcivescovo Giovanni Santucci all'interno della casa di reclusione di Massa - un punto di partenza straordinariamente importante".

Pubblicità

Ma dal dicastero di via Arenula non ci sono inversioni di tendenza su indulto e amnistia, anche se le leggi straordinaria, va ricordato, sono di competenza parlamentare e non governativa. Ferri ha spiegato che l'esecutivo guidato dal premier Matteo Renzi e il ministro della Giustizia Andrea Orlando sulle carceri "hanno avviato una rivoluzione - ha detto - culturale e sociale". Ma solo con misure ordinarie, niente leggi straordinarie.