Il leader della Lega Nord è intervenuto nuovamente sul decreto Salva Banche e durante l’intervista rilasciata oggi alla Zanzara su Radio 24, si è scagliato violentemente contro il premier Renzi, affermando che il Pd salverà la poltrona della Boschi ad ogni costo, nonostante gli intrecci “oscuri” tra banche, famiglie e politica che hanno rovinato migliaia di risparmiatori. Come un fiume in piena, #Matteo Salvini ha dichiarato che il Carroccio presenterà una mozione di sfiducia per chiedere le dimissioni del Presidente del Consiglio: “Mandiamo a casa #Matteo Renzi e tutto il suo governo”.

Salvini: Renzi è uno sciacallo

Il segretario federale durante l’intervista ha annunciato anche che insieme al Centrodestra, al M5S e agli altri partiti dell'opposizione che li sosterranno, chiederanno la sfiducia del terzo governo tecnico Renzi. Infine, è arrivato l’affondo di Salvini che ha definitivo il premier e segretario del Pd "un'infame, uno sciacallo" e ha tuonato: “ La morte del pensionato è colpa sua”.

Pubblicità
Pubblicità

Immediata la replica del coesissimo Pd che ha consigliato a Salvini di pensare al fallimento di Credieuronord e allo scandalo delle quote latte, ossia ai 4.5 miliardi pagati dagli italiani con la gestione dell’ex ministro dell'Economia, Tremonti del governo di Silvio Berlusconi.

CDX unito e M5S contro il governo Renzi

Ad ogni modo è arrivato anche l’appoggio di Forza Italia che ha annunciato la volontà di sostenere la mozione presentata dal M5S, a riguardo Renato Brunetta ha affermato che il Centro destra e il M5S uniti dovrebbero presentare la sfiducia contro il governo Renzi, in quanto abusivo e illegittimo per non aver mai vinto le Elezioni Politiche. Immediata è arrivata la replica della minoranza dem, per voce dell'ex segretario Pd, Pier Luigi Bersani, secondo il quale sarebbe servita la legge che sta chiedendo ora #bankitalia, ossia la norma che vieta la vendita allo sportello delle obbligazioni subordinate e quindi a rischio.

Pubblicità

Se volete rimanere aggiornati sulle notizie di politica v’invitiamo a cliccare su “Segui” sotto il titolo dell’articolo.