La senatrice Serenella Fucksia, colpevole di non aver restituito parte dello stipendio, è stata messa sotto accusa dal Movimento 5 Stelle, partito nel quale lei fa parte e con il quale è stata eletta. Beppe Grillo, fondatore di questo gruppo politico, sul suo blog ieri ha lanciato un referendum per decidere se espellere Serenella Fucksia, accusata da lui e da Casaleggio di non aver restituito parte dei soldi guadagnati nell’anno 2015. Le votazioni si sono concluse ieri e il novantadue per cento sul web ha votato a favore della ‘cacciata’. Fucksia è stata espulsa definitivamente dal movimento.

Scatenati i grillini sul web

I grillini, sul blog e sui diversi social network, non hanno risparmiato nessuna accusa contro la senatrice pentastellata, anche se qualcuno l’ha difesa.

Pubblicità
Pubblicità

Molti di loro erano a favore della sua espulsione, tra questi il blogger Daniele Martinelli che aveva comunicato la sua decisione tramite Facebook. Fucksia è stata più volte accusata anche di aver difeso il ministro Maria Elena Boschi.

Serenella Fucksia si difende dalle accuse

La senatrice si difende dalle accuse del leader del Movimento 5 Stelle #Beppe Grillo e dai grillini dicendo che la sua rendicontazione era in corso da giorni e di aver tardato per motivi di salute e per l’assenza momentanea del suo collaboratore. Fucksia ha appreso solo dai giornali del referendum sul blog proposto per decidere se ritenere giusto che la grillina rimanesse ancora nel movimento o che venisse espulsa, in seguito poi cacciata via con le votazioni definitive. Per la pentastellata il #M5S (Movimento 5 Stelle) è ormai allo sbando con un capo che decide senza lasciare la libertà di replicare; il comico ha perso ormai il controllo della situazione.

Pubblicità

Per la senatrice ormai il Movimento 5 Stelle è solo una grande truffa per gli italiani che lo hanno votato.

A difenderla Lorenzo Guarini, vicesegretario del Partito Democratico, che considera Grillo e Casaleggio dei dittatori. Il senatore del Pd Marcucci ricorda che in tutto sono trentasette i parlamentari cacciati dal comico. #Governo