Sta continuando l’affondo del leader della Lega Nord riguardo il decreto Salva banche, il quale durante l’intervista alla Zanzara su Radio 24 ha annunciato di essere pronto insieme con il Centrodestra e i partiti di opposizione a chiedere la mozione di sfiducia al governo Renzi. #Matteo Salvini con toni violenti ha proposto l'immediata restituzione dei beni, mobili e immobili, della famiglia Boschi, per istituire un fondo a garanzia per i risparmiatori truffati, e ha annunciato che a gennaio 2016 grazie all’Unione Europea e al premier Matteo Renzi, gli italiani che rischieranno il fallimento diventeranno milioni e non più migliaia.

Il premier Renzi unisce la maggioranza

Nel frattempo, il Pd compattissimo sta continuando a fare muro alle tante polemiche e accuse dell’opposizione e dei risparmiatori falliti.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo le indiscrezioni di Affaritaliani.it, alcuni fonti dei centristi di Area Popolare e della minoranza dem, avrebbero rivelato che il premier democratico non ha intenzione di mollare. Inoltre, durante la riunione che si è tenuta ieri 15 dicembre 2015 a palazzo Chigi, Matteo Renzi per sopravvivere allo tsunami che sta travolgendo il ministro delle riforme, avrebbe chiesto alla maggioranza la garanzia del voto contrario alla sfiducia presentata dal M5S, dalla Lega Nord, da Forza Italia e da Fratelli d’Italia.

Renzi blinda la Boschi

Dunque il Presidente del Consiglio per evitare le dimissioni del ministro renziano e le ripercussioni politiche che potrebbero far cadere l’intero esecutivo portando alle elezioni anticipate, è disponibile all'Istituzione di Commissione d’inchiesta sul sistema creditizio.

Pubblicità

Inoltre Matteo Renzi è favorevole all'ipotesi di un fondo per risarcire “in parte” i risparmiatori sul lastrico, tuttavia non sarebbe intenzionato a cedere  “il cuore renziano”: “Se cade la Boschi cade il governo”.

Il Centrodestra alleato di Renzi?

Ad ogni modo dall’analisi politica di Affaritaliani, nel remotissimo caso di mozione di sfiducia al ministro Boschi o al premier Renzi, il governo non sarebbe a rischio, in quanto il Pd ha alla Camera la piena maggioranza, e al Senato sarebbero soltanto 4 i voti contrari dei dissidenti del Ncd, capeggiati da Gaetano Quagliarello. Mentre il gruppo Ala dei verdiani, Sel, la minoranza dem e gli altri partiti del Centrosinistra, sempre più coesi, sono contrari al “giustizialismo” e non ritengono che ci sia nessuno conflitto d’interessi riguardo il decreto Salva banche e l'esecutivo.

Ma le indiscrezioni non finiscono qui, in quanto secondo l’ex forzista, Raffaele Fitto, la mozione di sfiducia al governo presentata ad “arte” dal Cdx e M5S, non ha nessuna possibilità di essere approvata e che servirà soltanto a riunire il Partito Democratico e a favorire la maggioranza renziana.

Pubblicità

Insomma per Fitto, il leader di FI, Berlusconi, Matteo Salvini della Lega Nord e Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia continuerebbero ad essere i migliori alleati del terzo esecutivo tecnico Renzi. Se volete rimanere aggiornati sulle notizie di politica v’invitiamo a cliccare su “Segui” sotto il titolo dell’articolo. #bankitalia #Politica Roma