Mentre l'esecutivo sta lavorando agli ultimi ritocchi della legge di Stabilità, la stagnazione economica insieme all’alta pressione fiscale continuano a soffocare le famiglie italiane. Intanto lo scandalo del decreto Salva banche del governo Renzi sembra aver affossato il Pd e favorito la crescita del Centrodestra e del #M5S. Almeno secondo i dati del sondaggio politico di EMG realizzato per TgLa7 il 14 dicembre 2015, che hanno mostrato in caso di elezioni, uno scenario politico di parità tra il Pd, la coalizione del Centrodestra e il M5S.

Sondaggio EMG: crolla il Pd di Renzi

Nonostante la sesta edizione della Leopolda, le proiezioni di voto del sondaggio politico hanno mostrato il Pd rimanere stabile dopo il Salva banche al 30,2%, il M5S al 27,7%, la Lega Nord e Noi con Salvini al 16,1%, Forza Italia, di Silvio Berlusconi all’11,9%, Fratelli d’Italia, di Giorgia Meloni al 4,7% e Sinistra Italiana al 3,6%: Secondo i dati dell'Istituto cresce inaspettatamente Area Popolare, Ncd e Udc di Angelino Alfano e Pierferdinando Casini che si attestano al 2,6%; Astenuti al 42,1%, Indecisi al 17,9%.

Pubblicità
Pubblicità

L’Istituto ha analizzato anche le intenzioni di voto degli italiani alle prossime Elezioni Politiche e ha rivelato al primo turno una potenziale situazione di parità tra il Centro sinistra al 30,7%, il Centro destra al 30,6%, e il M5S al 29,6%, Mentre da un’analisi dei possibili scenari ai ballottaggi, i dati del sondaggio hanno evidenziato la vittoria del M5S al 52,4% con un distacco di 5 punti percentuali dal Pd. Mentre,al secondo turno il Centro destra unito si attesta al 48,9%, e perde contro il Centrosinistra al 51,1%.

Sondaggio Euromedia: cresce il Centro destra

Il consueto sondaggio settimanale di Euromedia Research realizzato per Ballarò ha confermato il crollo significativo dei consensi elettorali da parte degli elettori del Pd di Renzi, ancora travolto dallo scandalo Bankitalia.

Pubblicità

I dati hanno mostrato la perdita in una settimana del Partito Democratico di quasi 2 punti percentuali. Tuttavia il Pd rimane stabile al 30,5%, mentre continua la lenta ma significativa crescita del M5S al 27,2%, e la rimonta del Centrodestra, con la Lega Nord di Mattteo Salvini che ritorna al 16%, Forza Italia di Silvio Berlusconi al 12%, e Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni al 4,8%. 

L’agonia del Ncd e boom di Sinistra Italiana

Le rivelazioni delle intenzioni di voto del sondaggio del 15 dicembre hanno mostrato la continua agonia del Ncd di Angelino Alfano crollato all’1,6%, e il sorprendente boom di Sinistra Italiana che sale dallo 0,3% al 3,8%. Infine, in caso di Elezioni con la legge dell’Italicum, la coalizione del Centrodestra (Lega Nord, Forza Italia, Fratelli d’Italia), raggiungerebbe al primo turno il 32,8% dei consensi e supererebbe di due punti percentuali la maggioranza del Centrosinistra, ad oggi in lento ma significativo calo, al 30,5%. Se volete rimanere aggiornati sui #Sondaggi politici v’invitiamo a cliccare su “Segui” sotto il titolo dell’articolo. #Matteo Renzi