Dire che era inevitabile sembra essere quasi un eufemismo e infatti gli ultimi #Sondaggi politici elettorali sulle intenzioni di voto degli italiani riportano l'evidente Boom della Lega Nord di Matteo Salvini. Manca ancora il secondo turno per decretare il vincitore delle amministrative francesi, certo, ma di fatto la maggioranza della Francia, per non dire tutta la nazione, si sta spostando all'estrema destra, dalla parte delle due Le Pen. Vuoi per lo spavento dettato dal terrorismo, vuoi per la crisi economica causata soprattutto dalla politica di austerità tanto voluta dall'Europa e favorita dalla sinistra, che sta causando anche la perdita di consenso per il PD, vuoi un'ideologia troppo liberale ma che di liberale non ha avuto proprio nulla, fatto sta che l'evidente riscontro dei cittadini francesi è quello di dire basta ad un buonismo insensato e ad una politica troppo rigida, cercando al contempo di iniziare a riprendere i valori e la propria identità.

Pubblicità
Pubblicità

Questi sono per la maggiore i motivi condivisi anche dal partito del carroccio, che segue l'onda delle Le Pen, ma che da tempo Salvini aveva già nella sua mente, e gli ultimi sondaggi politici elettorali ne sono la dimostrazione.

I risultati degli ultimi sondaggi politici elettorali al 3 dicembre 2015

Gli ultimi sondaggi politici elettorali divulgati da vari istituti e diffusi nei telegiornali e nelle trasmissioni di carattere politico, hanno mostrato ancora una volta l'inarrestabile crescita della Lega Nord, che si posiziona come terzo partito con una percentuale di 16,9 punti. Ma visto il calo del PD e del M5S, a dir la verità tutti pensano che la vicinanza di Salvini ai cittadini sia in strada che nelle piazze abbia portato più sicurezza agli italiani e la Lega Nord ad essere già il secondo partito del Paese, se non il primo.

Pubblicità

E infatti il PD registra ancora una volta una flessione, passando a 30,3 punti percentuale confermando il trend negativo che quasi sicuramente non si è arrestato con i duemila (2000) banchetti in tutta Italia a cui, da quanto si dice, hanno partecipato in pochi. Per quanto riguarda il Movimento 5 Stelle, c'è da dire che è l'unico candidato al ballottaggio ed è anche l'unico che attualmente fa paura, in tutti i sensi. Ma anche il partito di Grillo sta subendo un lieve calo per via di tutte le vicende interne che si sono sviluppate e tutto questo ha portato il M5S a 26,9 punti percentuale, registrando una riduzione rispetto alla settimana precedente.