Dopo il boom della Lega Nord di Salvini negli ultimi sondaggi politici della scorsa settimana, ora arriva anche quello di Fratelli d'Italia della Meloni. Il centrodestra sta infatti acquisendo consensi anche per via dei troppi inciuci della sinistra del PD, incluso il M5S. Dopo il decreto salva banche e il relativo crac bancario di Banca Etruria in cui il Ministro Boschi e il Presidente del Consiglio Renzi hanno evidenti conflitti d'interesse attualmente in accertamento dal PM, tra l'altro anche quest'ultimo ex consulente del Governo Renzi, la notizia che il Movimento 5 Stelle abbia accettato Augusto Barbera come giudice costituzionale, ha lasciato tutti basiti per il semplice fatto che uno dei requisiti fondamentali richiesti dal M5S per accettare la proposta del PD era quello che i tre candidati non dovevano essere dei politici di professione e non appartenenti ad alcun partito.

Pubblicità
Pubblicità

E invece Barbera, come tutti sappiamo, è un ex DC ed ex Ministro del Governo Ciampi.

DA EUROMEDIA PER BALLARÒ

Tutto questo grande inciucio sta causando una grande confusione ma sta anche portando i cittadini verso il centrodestra: il PD è ormai destinato a scendere sotto la soglia dei 30 punti percentuale, ma per ora si stabilizza al 30,5%. Infatti, secondo l'istituto Euromedia che ha diffuso gli ultimi #Sondaggi politici sulle intenzioni di voto per Ballarò, quasi in accordo con EMG la fiducia in Renzi perde quasi due punti e scende a 30,8% mentre la fiducia nel Governo perde un altro punto e scende a 28,4%. La coerente campagna di opposizione di Fratelli d'Italia porta invece il partito di Giorgia Meloni a guadagnare altri consensi e si appresta ad arrivare quasi al 5%, ma anche la Lega Nord di Salvini continua a crescere, arrivando al 16%.

Pubblicità

Forza Italia è al 12% e il Movimento 5 Stelle, con la discesa del Partito Democratico si appresta ad effettuare il sorpasso ma per ora si stabilizza al 27,2%, in attesa di sapere cosa ne pensano gli italiani dell'ultimo accordo M5S-PD sui tre giudici della corte costituzionale.