Arrivano importanti novità riguardo l'emissione della nuova Carta d'identità elettronica (spesso abbreviata come Cie), un documento che è stato pensato nell'ormai lontano 1997 e sperimentato in più occasioni da diverse amministrazioni locali. Con l'arrivo del 2016 il Governo Renzi ha finalmente deciso di concretizzare il progetto su scala nazionale, prevedendo anche delle coperture finanziarie da destinare alla #Pubblica Amministrazione per poter attuare il cambio di paradigma. Tra le principali novità, ricordiamo che il nuovo tesserino conterrà al proprio interno un Chip elettronico, così come già avviene per alcune carte regionali dei servizi.

Pubblicità
Pubblicità

Vi è inoltre da rilevare che alla Cie saranno associati due codici di utilizzo: un PIN ed un PUK. Quest'ultimi serviranno per garantire l'identificazione nell'accesso ai servizi digitali della pubblica amministrazione anche online, previo l'utilizzo di un dispositivo card reader collegato al proprio computer.

Nuova Carta d'identità 2016: ecco quali dati conterrà e come ottenerla presso la Pubblica amministrazione

Stante le premesse appena esposte, passiamo ad approfondire i dettagli riguardanti questo nuovo documento di identificazione. Per prima cosa, il formato della carta sarà identico a quello di una comune carta di credito e dovrà riportare tutti i principali dati del proprietario, come ad esempio Nome, Cognome, data di nascita e luogo di residenza. In aggiunta rispetto al precedente documento cartaceo, troveremo il codice fiscale, le impronte digitali e i dati associati al servizio sanitario nazionale.

Pubblicità

Per quanto concerne invece la richiesta di emissione, bisognerà seguire il medesimo percorso già previsto per la carta d'identità tradizionale. L'ufficio di rilascio sarà quindi l'anagrafe del proprio Comune, dove bisognerà recarsi muniti del precedente documento scaduto o della denuncia in caso di smarrimento o furto. È però importante verificare se il proprio ufficio di competenze risulta già abilitato per il rilascio del documento in formato elettronico. Se così fosse, è possibile ottenere la nuova CIE in circa 20 minuti.

E voi, cosa pensate di questa novità? Fateci conoscere la vostra opinione in merito aggiungendo un commento nel sito. Mentre qualora desideriate ricevere tutti i prossimi aggiornamenti in tema di pubblica amministrazione e politica vi ricordiamo di utilizzare il comodo tasto "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo. #Governo