I #Sondaggi politici dell'istituto Euromedia aggiornati al 27 gennaio mettono in evidenza la crisi del Movimento 5 Stelle e le difficoltà del premier Renzi, con il dato della fiducia nuovamente in calo per il primo ministro italiano. Va meglio invece per il Centrodestra, con Forza Italia e Lega che chiudono questa settimana in positivo. Bene anche Fratelli d'Italia, che si conferma sopra i 5 punti percentuali. 

M5S ancora giù

Gli ultimi sondaggi politici fotografano le difficoltà del #M5S. Anche Euromedia certifica una nuova flessione del Movimento anche in questa settimana. Il calo è dello 0,6 percento, con il valore complessivo che si attesta al 25,7 percento.

Pubblicità
Pubblicità

I grillini sono dunque tornati ai valori di settembre, sempre tenendo in considerazione le rilevazioni dell'istituto Euromedia. A fine settembre del 2015 infatti i pentastellati erano dati al 25,8 percento. Rispetto al 23 dicembre, data dell'ultima rilevazione del 2015, il Movimento 5 Stelle ha perso quasi 2 punti percentuali. 

Fiducia in Renzi e nel governo in calo

Si registra un calo vertiginoso anche nella fiducia in Renzi e nel governo. Euromedia certifica una flessione di mezzo punto percentuale in relazione alla fiducia che gli italiani ripongono sull'attuale capo del consiglio. Identica, o quasi, percentuale che coinvolge il governo, che ora si attesta al 27,6 percento (-0,4 rispetto a 7 giorni fa). Va invece meglio al Partito democratico, che contiene le perdite restando al 30,4 percento (-0,1%).

Pubblicità

Potrebbe aver inciso lo spinoso capitolo delle banche, ma anche la discussione inerente il ddl Cirinnà sulle unioni civili. Riguardo a ciò, questa settimana e la prossima saranno cruciali per il governo, poiché la partita che si giocherà in Senato è più importante di quanto si creda. Se infatti salta la stepchild adoption, nel voto finale, come scrive Repubblica, potrebbe saltare l'intera legge sulle unioni civili, fatto questo che segnerebbe un ko difficilmente digeribile da Renzi e dall'esecutivo. 

Lega e Forza Italia su

Prosegue la rincorsa di Lega Nord e Forza Italia, protagoniste insieme del graduale recupero della coalizione di Centrodestra nei confronti del Centrosinistra. Sia il partito di Salvini che quello di Berlusconi sono cresciuti dello 0,3 percento. Se a questo aggiungiamo il 0,1 percento della Meloni, la coalizione liberale è cresciuta, in 7 giorni, dello 0,7 percento, rosicchiando quasi un punto e mezzo percentuale alla coalizione di Csx. Singolarmente, la Lega è al 15,8 percento, mentre FI è data all'11,5 percento. Intanto nella giornata di ieri si sono registrati degli scontri a Trieste durante il comizio di Salvini tra la polizia e i centri sociali, che hanno urlato, tra le altre cose "Siamo tutti clandestini". Prima che scoppiassero i tafferugli, Matteo Salvini si è rivolto in maniera ironica a coloro che stavano protestando: 'Più che antifascisti mi sembrate tutti rimbambiti'. 

#Matteo Renzi