In attesa di conoscere i nuovi #Sondaggi politici di questa settimana, confrontiamo i dati di gennaio 2016 e dicembre 2015 inerenti al Movimento 5 Stelle. Prenderemo in esame gli istituti Ipr, Euromedia, Piepoli, Emg, SWG e Ixè, per verificare la differenza in termini di punti percentuali rispetto all'ultimo mese del vecchio anno. Continua a far discutere nel frattempo il caso del comune di Quarto, responsabile - per gli addetti ai lavori - della flessione fatta registrare dal M5S nelle ultime settimane

Confronto sondaggi dicembre 2015-gennaio 2016 

A seguire trovate il confronto dei dati sul Movimento 5 Stelle di 6 istituti diversi.

Pubblicità
Pubblicità

I primi numeri si riferiscono al mese di dicembre, i secondi a quelli di gennaio, in neretto trovate invece la variazione dei punti percentuali rispetto all'ultimo mese del 2015. 

  • Ipr: 29,0 -> 27,0 (-2,0)
  • Emg: 28,1 -> 27,0 (-1,1)
  • SWG: 25,1 -> 24,0 (-1,1)
  • Ixè: 26,1 -> 26,0 (-0,1)
  • Euromedia: 27,5 -> 26,7 (-0,8)
  • Piepoli: 28,5 -> 28,0 (-0,5)

Dall'elenco qui sopra riportato vediamo come è l'istituto Ipr ad indicare il dato più negativo per il Movimento 5 Stelle, che assegna un 2 percento in meno ai grillini. Gli istituti Emg e SWG invece attestano una perdita intorno al punto percentuale (-1,1 per la precisione). In linea con questi anche il sondaggio di Euromedia, il quale - nella figura del direttore Euromedia Research Ghisleri, ha anche approfondito il tema riguardante il comune di Quarto: per Euromedia il #M5S, rispetto a dicembre, ha subito un calo dello 0,8 percento.

Pubblicità

L'istituto Piepoli dal canto suo indica una flessione di mezzo punto percentuale, mentre per Ixè i 5 Stelle sono addirittura stabili. Se facciamo una media complessiva delle percentuali, possiamo notare che il Movimento di Beppe Grillo è in flessione dello 0,9 percento, un dato che deve far riflettere in vista delle prossime amministrative, sopratutto se il trend negativo di questo primo mese di gennaio verrà confermato anche a febbraio e marzo. Il caso Quarto, come informa una nota, sarà al centro del question time alla Camera in programma oggi, a cui parteciperanno il ministro Boschi, Stefania Giannini, Angelino Alfano, Graziano Del Rio, Maurizio Martina e Beatrice Lorenzin. Per Luigi Di Maio, vice presidente della Camera e tra le figure più carismatiche del Movimento, è nel frattempo arrivato un importante riconoscimento da parte della rivista Forbes, che lo ha inserito nella lista degli under 30 più influenti d'Europa. Di Maio ha affermato che vuole buone idee, buoni programmi che riescano a sopravvivere ai singoli individui.