Cosa si intende con stepchild adoption? La possibilità, da parte del nuovo partner, anche in coppie omosessuali riconosciute, di adottare i figli avuti dal compagno in precedenza. E con affido rinforzato? La stessa opzione, con la differenza che l'affido è temporaneo: al compimento del diciottesimo anno d'età, sarà il ragazzo adottato a confermare, o meno, l'adozione.

E' questo uno dei nodi del ddl Cirinnà su cui, secondo fonti parlamentari, starebbero mediando nel #Pd Renzi e Boschi. Spostata a fine mese la direzione del partito originariamente prevista per il 18, si tratta di blandire le distanze fra i cattolici PD, disposti a concedere al massimo l'affido rinforzato, e la maggioranza del partito, attività affidata alla Boschi.

Pubblicità
Pubblicità

Stepchild adoption o affido rinforzato?

La questione è davvero spinosa e non è un caso che il ddl Cirinnà abbia atteso la discussione per quasi tre anni. Il riconoscimento delle coppie di fatto, figuriamoci omosessuali, è argomento tale da incrinare i rapporti con la Chiesa e col mondo cattolico. Ma la piazza, intesa nel senso più nobile, preme: ad oggi, solo i parlamentari omosessuali, ad esempio, vantano diritti come la reversibilità della pensione. A questo, si deve aggiungere la pressione delle opposizioni, #M5S e SEL, favorevoli a regolamentare le coppie di fatto, anche omosessuali, per natura e potenzialmente favorevoli anche ad altri passi, adozione da parte di coppie omosessuali e utero in affitto incluse. Con il partner di Governo, l'NDC, dichiaratamente contrario, il Governo si trova nell'imbarazzante posizione di cercare di portare a casa una legge di tale peso politico e sociale, senza i voti di parte del Governo (NDC, appunto), ma anche di parte del partito di maggioranza.

Pubblicità

I parlamentari a lui vicino, sostengono che il Presidente del Consiglio sia determinato e favorevole all'intero impianto Cirinnà. Fonti dei 5 Stelle, invece, temono la possibile trappola che si profila all'orizzonte: l'inserimento di norme da loro considerate "zoppe" o inaccettabili che impedirebbero loro di votare la legge. Con NDC e una fetta di PD contrari per principio a una norma simile, la stessa potrebbe non avere i numeri necessari alla sua approvazione e Renzi troverebbe nei pentastellati il perfetto capro espiatorio. Il 26 è lontano e c'è tutto il tempo per vederne delle belle. #Matteo Renzi