Col 42% delle preferenze raccolte durante le primarie, sarà Beppe Sala a correre per il PD per conquistare Palazzo Marino. Un'elezione, la sua, contestata a causa dell'elevata partecipazione dei cinesi che, interpellati da diversi organi di stampa, hanno dimostrato di non conoscere né i candidati né la lingua italia, facendo nascere un dubbio lecito sulla genuinità della mobilitazione di una delle comunità più numerose di Milano. 

Classe 1958, Beppe Sala si è laureato alla Bocconi per poi iniziare il suo percorso lavorativo in Pirelli. Nel 2002 lascia il settore degli pneumatici per diventare il direttore finanziario di Tim.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo un'esperienza nel settore finanziario, per Sala arriva il momento di lanciarsi nell'amministrazione pubblica come direttore generale del Comune di Milano, per volontà dell'allora sindaco Letizia Moratti. E' il 2009.

Dopo sette anni, e dopo un'esperienza come amministratore delegato di Expo 2015 S.p.A., Sala potrebbe diventare il nuovo sindaco di Milano, nonostante avesse detto, in anni passati, di non voler correre per quel ruolo. #Politica Milano