Scicli (Ragusa) “Più tempo passa meno comprendo la motivazione che ha portato allo scioglimento del Comune di Scicli per infiltrazione mafiose”. Inizia così l’intervista rilasciata dall’ex conigliere comunale di Scicli (Ragusa) del Partito Democratico Marco Causarano che parla a tutto campo della situazione politico-amministrativa della città che, in questo momento, è guidata da una triade commissariale. L’intervista di Causarano comincia con un approfondimento sul tema rifiuti dove emerge – dice l’esponente del #Pd- un paradosso sul fatto che i commissari abbiano prorogato ancora l’incarico per la gestione della raccolta. In un comune sciolto per mafia anche per via delle continue proroghe disposte dalle giunte precedenti, dei funzionari inviati dl ministero devono quanto meno cambiare registro riguardo la tematica in questione e, invece, nulla è cambiato.

Pubblicità
Pubblicità

Aspettative sul ricorso, nascita secondo circolo del Pd e prossime elezioni

Strettamente legato al tema rifiuti c’è la questione Truncafila, nella video-intervista Marco Causarano spiega la posizione del Partito Democratico e parla dei timori su un eventuale conferimento di inerti che potrebbe nascondere qualcos’altro. Marco Causarano parla poi del ruolo dei commissari esponendo le sue idee in merito ad alcuni provvedimenti presi. La discussione poi passa al ricorso presentato da molti ex consiglieri avverso il provvedimento di scioglimento, anche in questo caso l’ex consigliere comunale spiega le ragioni che hanno portato al ricorso e parla delle aspettative in merito alla decisione del Tar che potrebbe cambiare la storia. “A distanza di 10 mesi non ci sono state iniziative giudiziarie seguite alle motivazioni che hanno portato il ministero a decidere per lo scioglimento, perché, allora, questo accanimento nei confronti della città?”.

Pubblicità

Nella video-intervista a Marco Causarano, si parla poi del ruolo del Pd, della nascita del secondo circolo e del famoso ribaltone, termine non proprio caro all’ex consigliere, avvenuto per sostenere la giunta Susino abbandonata dalla sua maggioranza. La discussione è ricca di spunti destinati anche a suscitare dibattito, specie quando si parla di prossime elezioni comunali e delle responsabilità di chi ha contribuito al fallimento delle scorse due legislature. Che nome fa Causarano? Si candiderà alle prossime elezioni per la carica di Sindaco? Le risposte nella video -intervista che segue, un confronto di 26 minuti che darà di sicuro spunto per un’ampia discussione politica in città.

#Elezioni Amministrative #Cronaca Ragusa