"Deputati e senatori lavorano molto poco", questa è la denuncia che stavolta non viene dai soliti 'populisti' o da qualche utente seccato sui social network, bensì dall'ex presidente della Repubblica #Giorgio Napolitano, ora senatore a vita con stipendio di 13.000 euro al mese, così composto: Indennità Parlamentare, Diaria, Rimborso Spese e in più anche una copertura ulteriore per spese di viaggio e telefoniche. Mercoledì scorso, durante una seduta lampo delle commissioni Esteri riunite di Camera e Senato, si è spazientito e ha dichiarato: "Riunirci negli spiccioli di tempo rappresenta una grave decadenza istituzionale. Mi chiedo se i presidenti delle Camere possano provare a convincere i rappresentanti dei gruppi parlamentari a lavorare di più delle 30-40 ore settimanali".

Pubblicità
Pubblicità

Possano, non debbano. 30 ore settimanali contro le 40 e oltre dei comuni cittadini. 20 mila euro lordi al mese contro i 1300/1400 dei comuni lavoratori, quando va bene. 

Tentativi falliti

Di tentativi per aumentare le ore di lavoro ai parlamentari ne sono stati fatti nel corso della storia della politica italiana, da Nilde Iotti a Fausto Bertinotti, da Luciano Violante a Gianfranco Fini, tutti falliti. In ultimo anche l'attuale Presidente Renzi e il ministro per le riforme Maria Elena Boschi hanno fatto un tentativo, riuscendo in parte a migliorare la situazione, tuttavia i deputati sono ancora 630 ed i senatori ancora 315, e i loro stipendi e privilegi sono inalterati e questo Napolitano lo ha confermato dicendo che i risultati ottenuti dall'attuale Governo sono ancora pochi.

Pubblicità

Quanto lavorano i deputati? E i senatori? Nell'ultima legislatura, a partire dal 15 marzo 2013, secondo quanto riferito da 'la Repubblica' la Camera ha svolto 563 sedute per un totale di 3.034 ore, mentre il Senato ne ha fatte 573 totalizzando 1.871 ore. Nel 2015 le sedute ammontano a 186 con 1.077 ore lavorative alla Camera e 188 al Senato con 655 ore. Se facciamo una divisione per 254, che rappresenta il numero di giorni lavorati dai parlamentari, scopriamo che i deputati hanno lavorato poco più di 4 ore al giorno e i senatori poco più di 2 ore al giorno, in netto miglioramento rispetto alle precedenti legislature, seppur, ripetiamo, percependo comunque uno stipendio che confrontato con le altre pubbliche istituzioni europee risulta doppio rispetto a Germania e Gran Bretagna e quasi triplo rispetto alla Francia. 

In ultimo una precisazione dovuta: i numeri di cui sopra non tengono conto del tempo impiegato nelle commissioni e nelle altre attività parlamentari. Comunque sia è molto raro che un parlamentare lavori otto ore al giorno, soprattutto quando in aula non sono presenti tutti i deputati e senatori, cosa che accade spesso.