Fin dalle 8 di stamattina gli iraniani si sono recati in massa alle urne per rinnovare il Parlamento e l'Assemblea degli Esperti, che avrà il compito di scegliere la nuova Guida Suprema della repubblica islamica. Il Presidente Rouhani si aspetta una affluenza massiccia, precisando che verrà accettata qualsiasi maggioranza si siederà nel nuovo parlamento, come verrà rispettato chiunque sarà eletto.

Il voto, il primo dopo gli accordi fra Iran, gli USA , l'UE e il Consiglio di Sicurezza dell'ONU sulla fine dell'embargo economico, scaturito dopo la cancellazione del programma nucleare iraniano, potrebbe rafforzare le politiche di apertura del governo e contribuire all'elezione di molti candidati riformisti, anche se bisogna ricordare che non sono pochi i candidati moderati bocciati dal Consiglio dei Guardiani, l'organo composto da giuristi e islamici e preposto al controllo dell'attività legislativa.

Pubblicità
Pubblicità

La speranza rimane comunque quella di scalzare la maggioranza fondamentalista e conservatrice che controllava il parlamento nella legislatura passata.

L'Ayatollah Alì Khamenei

Sui timori di astensionismo le televisioni locali hanno da subito filmato le lunghe code che si sono formate ai seggi. Anche la Guida Suprema Alì Khamenei si è recato di buon mattino alle urne per dare il buon esempio: "Consiglio a tutti gli iraniani di andare a votare al più presto, esprimendo con intelligenza la propria preferenza. Un'alta partecipazione elettorale sarà una sconfitta per tutti i nostri nemici". Difficile immaginare chi la spunterà. Per tradizione nelle aree rurali del paese il voto espresso è sempre stato filo conservatore, mentre nelle grandi città prevale da sempre la voglia riformista. Appare più scontato invece l'esito dell'Assemblea degli Esperti, che avrà il compito di eleggere il successore di Khamenei.

Pubblicità

Fra 800 aspiranti hanno avuto la possibilità di presentarsi al giudizio degli elettori solo in 163. Con soltanto 88 posti disponibili e la maggior parte dei candidati esperti provenienti da una cultura conservatrice il risultato risulterà abbastanza ovvio. 

#Esteri #Medio Oriente