Verona dichiara guerra al racket delle offerte, multando chi dà l'elemosina e agevola in questo modo i fenomeni illegali, messi in atto da italiani e stranieri e incrementati dall'attività di accattonaggio. A dare inizio a questa iniziativa anti racket è Flavio Tosi, attuale sindaco di Verona, che ha deciso di emettere un'ordinanza temporanea per contrastare tutte le attività di accattonaggio che stanno invadendo la sua città: ora a chi verrà beccato a donare anche solo monetine gli verrà contestata una multa da 500 euro.

Flavio Tosi, sindaco di Verona

L'attuale sindaco di Verona si trova in politica dal 1994, quando ha iniziato il suo percorso come Consigliere comunale, ricoprendo anche il ruolo di Segretario provinciale della #Lega Nord e Liga Veneta, per poi diventare Consigliere regionale nel 2000.

Pubblicità
Pubblicità

Nel 2007 si è dimesso da Assessore regionale alla Sanità per ricoprire l'incarico di sindaco di Verona. Nel 2008 è diventato presidente della Liga Veneta per poi diventarne Segretario nazionale nel giugno 2012. Tosi attualmente fa parte della Liga Veneta, partito che a sua volta è vicino alla Lega Nord e a Matteo Salvini.

Il racket dell'elemosina

Agli occhi dei cittadini ignari potrebbe sembrare un semplice gesto di carità, ma a quanto pare le forze dell'ordine e il sindaco di Verona non la pensano allo stesso modo. Secondo recenti indagini svolte dalle forze dell'ordine, sembrerebbe che vi sia un vero e proprio racket che sfrutta minori, anziani e disabili per incassare soldi dall'elemosina, imponendo una strategia ben precisa al fine di trarne profitto. L'ordinanza è stata emessa da Flavio Tosi e sarà valida fino al 13 aprile 2016 per tutelare le manifestazioni e gli eventi che saranno parte integrante delle fiere veronesi.

Pubblicità

Il divieto di dare l'elemosina riguarderà tutte le aree pubbliche veronesi, e chi sarà beccato nell'intento di donare soldi riceverà una maxi multa da 500 euro. Non si esclude che l'ordinanza sia stata emessa anche come prova preliminare di un eventuale proposta di legge firmata Lega Nord, per poter valutare una linea dura per contrastare questo fenomeno in forte crescita in Italia. #Governo #Extracomunitari