In queste ore, il tribunale dei minori di Roma ha riconosciuto l'adozione incrociata a una coppia di donne. L'argomento è di stretta attualità dato che il dibattito politico di questi giorni si è concentrato proprio su adozioni ed unioni civili con la discussione del cosiddetto ddl Cirinnà. Le due bambine, una di 4 e l'altra di 8 anni, sono nate grazie all'inseminazione artificiale che viene praticata in Danimarca. Il giudice ha riconosciuto la possibilità alle due mamme di adottare l'una la figlia dell'altra, applicando “l'adozione in casi particolari”, con le due bambine che avranno i cognomi di entrambi le madri anche se non saranno sorelle per la legge.

Pubblicità
Pubblicità

Il significato di “adozioni particolari”

Nell'emanare questa sentenza, il giudice ha fatto riferimento alle cosiddette “adozioni particolari”, fattispecie presente all'articolo 44 della legge sulle adozioni e inserita nel nostro ordinamento giuridico con la legge 184 del 1983. Il tribunale ha cercato di tutelare l'interesse delle minori nel vedere riconosciute ad entrambe la piena genitorialità, interpretando in maniera estensiva il dettato normativo. Una scelta, che farà sicuramente discutere e che potrebbe aprire nuovi interessanti scenari su questo delicato tema. La discussione sull'argomento resta ancora aperta, con posizioni discordanti, visto che di recente in Senato è stato stralciato l'articolo 5 del ddl Cirinnà che si limitava ad estendere alle coppie dello stesso sesso la possibilità di adottare il figlio del partner.

Pubblicità

Le reazioni

Dalle pagine de “Il corriere della Sera” è possibile raccogliere alcune reazioni, a partire dal presidente dell'associazione dei matrimonialisti italiani – Gian Ettore Cassani, secondo cui questa sentenza è storica poiché dimostra che dove non riesce ad arrivare il legislatore arriva il tribunale. Di tutt'altro avviso è il portavoce di generazione Italia Filippo Savarese, che parla di sentenza sovversiva, vista l'interpretazione estensiva che il tribunale di Roma ha dato della legge sull'adozione dei minori. Anche la leader di Fratelli D'Italia, Giorgia Meloni, si è detta molto contrariata da quanto accaduto: "Oramai i tribunali decidono al posto della politica” ha chiosato la Meloni. Questo caso di adozione incrociata arriva dopo le polemiche che hanno colpito Nichi Vendola, allorchè l'ex governatore della Puglia ha annunciato che il suo compagno ha avuto negli Stati Uniti un figlio grazie all'inseminazione artificiale. E voi, da che parte state? Siete a favore o contrari sulle adozioni alle coppie dello stesso sesso? #Governo #Matrimonio #Politica Roma