Si parlerà finalmente anche di #amnistia ed indulto nella Commissione del Senato in riunione presso Palazzo Madama nelle prossime ore vista la pubblicazione del calendario ufficiale dei lavori parlamentari della settimana corrente. Nella giornata di martedì 15 marzo 2016, la Commissione congiunta sarà infatti chiamata ad analizzare e discutere sulle tematiche contenute nei quattro disegni di Legge presentati negli scorsi mesi per cercare di risolvere il grave problema del sovraffollamento carcerario che, nonostante un miglioramento, rimane una questione particolarmente rilevante in moltissimi penitenziari italiani. I ddl discussi in senato saranno 4 (MANCONI, COMPAGNA, BARANI, BUEMI) con principali punti d'intervento relativi all'abolizione della nozione del reato finanziario ed alla modifica dell'attuale metodo di calcolo della pena detentiva.

Pubblicità
Pubblicità

In commissione si discuterà inoltre di giustizia telematica, aspetto molto importante per cercare di modernizzare l'intero settore italiano e per diminuire notevolmente il tempo dei lunghi processi (la proposta presente nei ddl è infatti quella di invio di notifiche mediante il web in caso di imputato non detenuto e di nomina di un difensore).

Amnistia ed Indulto: in attesa dei lavori al Senato ecco gli ultimi numeri relativi al sovraffollamento

In attesa di scoprire quali saranno le decisioni della Commissione sulle decisioni relative ad amnistia ed indulto è importante ricordare come durante la scorsa settimana sono state pubblicate le "Annual Penal Statistic", statistiche relative al mondo carcerario che hanno evidenziato ancora una volta le criticità del sistema italiano e la necessità di un pronto intervento.

Pubblicità

Nonostante un miglioramento rispetto ai precedenti periodi d'analisi, il numero di detenuti (54 mila circa) rimane infatti ancora nettamente superiore a quello dei posti disponibili (45 mila disponibilità) con una conseguente ed inevitabile diminuzione degli spazi di detenzione. In attesa di scoprire quali saranno le decisioni politiche non rimane che chiedervi un parere sulla spinosa vicenda; quali sarebbero secondo voi i principali interventi da compiere per risollevare la situazione?