Dopo il caso Quarto e le incessanti polemiche sulla mancanza di democrazia interna, il #M5S prova a ricompattarsi in vista delle prossime amministrative. Milano, Torino, Roma, Napoli su tutte fungeranno da vero e proprio termometro politico. I big del Movimento come Di Battista e Di Maio sono impegnati in prima linea per calamitare i consensi dell’elettorato sul territorio. Un’impresa non facile considerato lo stato di malessere delle istituzioni che ha finito per travolgere tutte le componenti in gioco, nessuno escluso. A Caserta, Latina, Ravenna, Rimini e Salerno, i grillini hanno ufficializzato il disimpegno dalla corsa ai Comuni. Tra le motivazioni che hanno fatto scaturire la scelta assunta senza appello dal direttorio, il mancato accordo sui candidati.

Pubblicità
Pubblicità

In particolare a Salerno, città feudo del governatore campano De Luca, è andata in scena una lotta fratricida che ha finito col danneggiare tutti. Malgrado le rassicurazioni di facciata, anche la situazione di Milano desta forti perplessità: il passo indietro della candidata Patrizia Bedori ha contribuito a incentivare il clima di sospetti sulla regia occulta di Casaleggio. Il Movimento può sorridere invece con Virginia Raggi, data in forte vantaggio sulla concorrenza a Roma.   #Beppe Grillo #Sondaggi politici