Anche stavolta sembra rimasto inascoltato, almeno per il momento, il nuovo appello di #Papa Francesco per la concessione di #amnistia o #indulto nell'anno del Giubileo Straordinario della Misericordia. Il nuovo appello del Pontefice per le misure straordinarie di clemenza generale a favore dei detenuti e contro il sovraffollamento carceri è contenuto nel messaggio letto tre giorni fa dal cardinale Peter Turkson nel corso della Conferenza svoltasi a Roma dal titolo "Nonviolence and Just Peace: Contributing to the Catholic Understanding of and Commitment to Nonviolence".

Amnistia e stop alla pena di morte: nuovo appello del Pontefice

Il Santo Padre, durante l'iniziativa promossa dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace in collaborazione con il Movimento Pax Christi, ha in particolare ribadito "le richieste rivolte ai responsabili degli Stati, in questo Anno Giubilare.

Pubblicità
Pubblicità

L'abolizione della pena di morte - si legge nel messaggio del Papa - là dove essa è ancora in vigore. Insieme alla possibilità - ha aggiunto - di un'amnistia e la cancellazione o la gestione sostenibile - ha spiegato il Pontefice - del debito internazionale degli Stati più poveri". A tre giorni dall'appello di Papa Francesco nessun intervento da parte dei politici in Italia, a parte la soddisfazione espressa da Rita Bernardini, presidente onorario dell'associazione "Nessuno tocchi Caino", in prima linea per la concessione di amnistia o indulto.

Rita Bernardini: Papa Francesco ha il senso profondo dello Stato

"Papa Francesco - ha scritto Rita Bernadini su Facebook commentando l'appello del Pontefice - ha il senso profondo dello Stato di diritto e della Giustizia giusta. Altro che - ha sottolineato la dirigente radicale - Parlamento, Governo e compagnia bella!".

Pubblicità

Adesso, dopo il nuovo appello del vescovo di Roma, si resta attesa di capire che subirà un'accelerazione e un'inversione di tendenza l'esame dei quattro disegni di legge per indulto e amnistia in corso in commissione Giustizia a Palazzo Madama presieduta dal senatore di Area popolare (Ncd-Udc) Nino D'Ascola.