C'è una nuova destra radicale in Germania, una destra di recente fondazione politica ma di antiche e tristemente note posizionii populiste e xenofobe. Il partito è Alternativa per la Germania (Alternative fuer Deutschland-AFD) che, pur essendo stato fondato soltanto nel 2013, l'anno successivo ha mancato per un soffio l'ingresso al Bundestag, il parlamento federale tedesco. Il successo di AFD è stato comunque confermato sempre nel 2014 con la conquista di sette seggi al Parlamento Europeo e quest'anno, alle elezioni regionali, con gli ottimi risultati ottenuti soprattutto in Sassonia dove attualmente è il secondo partito.  

La vicinanza con il movimento anti-islamico

A luglio dello scorso anno Frauke Petry, 40 anni, nata nella ex Germania dell'est, è la ledear indiscussa di AFD.

Pubblicità
Pubblicità

La sua elezione ha causato una frattura interna al partito: il fondatore Bernd Lucke ed i suoi fedelissimi ne sono infatti fuoriusciti fondando un nuovo movimento politico, in contrasto con le politiche apertamente xenofobe della nuova guida. Sul banco degli imputati è finita la presunta vicinanza di Frauke Petry al movimento anti-islamico Pegida. Le proposte di indire un referendum per l'abrogazione dell'euro ma, soprattutto, le ideologie di cieca islamofobia di AFD preoccupano non poco l'attuale governo di Berlino. I sondaggi danno il partito di estrema destra in vistosa ascesa, l'anno prossimo potrebbe certamente avere i numeri per entrare nel parlamento federale. Autarchia a livello economico, il ritorno ad uno Stato forte che sia presente nella vita quotidiana del cittadino, pregiudizi che incitano all'odio razziale.

Pubblicità

Qualcosa di già sentito in Germania, proprio vero che a volte la Storia non insegna. #Unione Europea