È d'accordo con la presidente Giorgia Meloni, il volto autentico e serio della-destra,  il neo segretario provinciale di FdL, l'avvocato Luigi Sodano. Ieri in un'intervista concessami nel suo studio di Chieri, ha fatto sua la dichiarazione della probabile candidata sindaco a Roma, resa in sostegno della candidatura di Mr Expo, Stefano Parisi, a Milano: ''Facciamo il nostro ultimo appello al centrodestra ad unirsi attorno a una candidatura che a Roma possa giocarsi la partita, con Partito democratico e Movimento 5 stelle". E la riproietta su Torino dove auspica un candidato vincente come il suo collega a livello regionale, Agostino Ghiglia. Anche il notaio Alberto Morano, che si è già proposto ed è piaciuto anche a Salvini ha detto: "Torino ha bisogno di sapere chi sarà il candidato sindaco del centrodestra e io sono a disposizione".

Pubblicità
Pubblicità

Morano lo fa per spirito di servizio come Sodano, volto fin dalla nomina, un mese fa, a proseguire l'opera del suo predecessore Roberto Ravello.  A due mesi dalla tornata elettorale, l'avvocato ha una visione chiara dei vari movimenti nei capoluogo della provincia che coordina: l'alternativa a Morano per adesso, è Osvaldo Napoli, vicecoordinatore piemontese di Forza Italia, secondo cui il centrodestra può vincere solo con la coalizione. Ma per Sodano non sarebbe un candidato vincente: Napoli, politico di Giaveno, si contrappone così a Morano "Io, a differenza sua, non mi sono candidato, mi hanno chiamato per l'esperienza politica fatta in una vita intera".

Allora l'avvocato che da  30 anni fa politica sul territorio, essendosi iscritto giovanissimo al Fronte della Gioventù prende posizione.

Pubblicità

A quel tempo nella segreteria c'erano Gianfranco Fini, delfino di Giorgio Almirante e il politologo Marco Tarchi, l'Alain Benoist italiano, secondo Sodano, anche se considera fuorviante il parallelo tra la Nouvelle Droite e la Nuova destra, viste le notevoli differenze sociali fra i Paesi, per quanto le 2 anime conservatrici e reazionarie europee si siano sempre opposte a un sistema politico che non dà risposta alle istanze minime di sicurezza fisica ed economica. Così all'Ue che guarda solo alla finanza, non ai bisogni elementari, Sodano oppone la sovranità nazionale, mentre per l'immigrazione distingue tra profughi e deliquenti

Le elezioni in provincia

Vent'anni consigliere e poi vicesindaco a Chieri, per Sodano come per la Meloni, bisogna intercettare gli elettori di destra, passati al Movimento 5 Stelle, solo per protesta e ora constatano che i loro rappresentanti non hanno saputo governare. Secondo lui, i grillini sono più qualunquisti che populisti. Ma solo a Milano, finora c'è un candidato certo: Stefano Parisi, , il cosiddetto Mr Export.

Pubblicità

 Prima dell'estate si eleggono anche i sindaci di molti comuni piemontesi, tra cui Pinerolo. Carmagnola, San MauroTrofarello, Ciriè.

Si tratta della sua partita da vincere e il segretario provinciale di FdL se la giocherà, casa per casa, ascoltando persona, per persona, riguardo alle buche e ai cassonetti dei rifiuti. Certo non standosene davanti al pc. Sodano si rifiuta di considerare credibili i sondaggi online per concentrarsi su quello che considera il vero obiettivo della destra oggi: vincere le elezioni, puntando solo su candidati che ne abbiano le carte. Lo incoraggiano, ma non lo convincono nella sua politica pragmatica e vicina alla gente, i risultati del Front Nationadi Marine Le Pen. Perché ogni paese, anche il più piccolo, ha le proprie esigenze da soddisfare. Per lo stesso motivo nemmeno la probabile vittoria della destra in Austria lo illude. #Sondaggi politici #Cronaca Torino #Elezioni Amministrative