In questi giorni si sta sentendo molto parlare della vicenda dei "Panama Papers", gli 11,5 milioni di documenti dello studio legale Mossack Fonseca pubblicati grazie all'indagine giornalistica del quotidiano tedesco Suddeutsche Zeitung condivisa con l'International consortium of investigative journalists.

L'inchiesta è riuscita a dimostrare come diversi personaggi potenti, della politica così come dello spettacolo e del calcio, riuscivano ad eludere il fisco tramite il trasferimento di ingenti somme di denaro su società offshore.

Tra l'altro, l'inchiesta si è focalizzata molto fortemente sulla "rete" del presidente russo Vladimir Putin e tale focalizzazione ha fatto pensare a diversi analisti e attivisti, a partire da quelli di Wikileaks, che probabilmente dietro la diffusione dello scandalo dei "Panama Papers" ci siano determinati interessi politici e geopolitici.

Pubblicità
Pubblicità

I tweet di Wikileaks

Su #Twitter, proprio la stessa Wikileaks ha denunciato la strumentalizzazione della vicenda per gli interessi, a dire dell'organizzazione, del governo statunitense.

Difatti, secondo Wikileaks la diffusione dell'inchiesta e l'attacco a Putin sono stati possibili grazie al finanziamento dell'agenzia governativa per lo sviluppo internazionale(USAID), così come della Open Society, la fondazione creata e gestita dal noto finanziare e filantropo George Soros.

La stessa Open Society è famosa per il suo coinvolgimento nella nascita delle cosiddette "rivoluzioni colorate" nei paesi dell'ex Unione Sovietica e tra essa e le autorità russe non scorre minimamente buon sangue, tanto che l'organizzazione è stata bandita a dicembre dal paese.

L'Open Society e l'International Consortium

Come già ricordato ad inizio articolo, l'inchiesta è stata possibile grazie al lavoro dello Zeitung e specialmente dell'International Consortium of investigative journalists.

Pubblicità

Proprio su quest'ultima organizzazione, c'è da sottolineare che essa riceve fondi dalla stessa Open Society e stando così le cose viene da pensare che in fondo Wikileaks non ha tutti i torti nel far notare che l'inchiesta è stata in qualche modo "strumentalizzata". #Esteri #Evasione Fiscale