Questa notte si sono svolte le primarie per la candidatura alle elezioni presidenziali nel popoloso stato di New York, che hanno assegnato 291 delegati democratici (su 4.764 totali) e 95 delegati repubblicani (su 2.472 totali). Hanno vinto, entrambi con ampio margine di vantaggio sui concorrenti i due candidati favoriti: Hillary Clinton in campo democratico e Donald Trump in campo repubblicano.

Democratici uniti

Tra i democratici la Clinton ha staccato di quasi venti punti il contendente Bernie Sanders, conquistando 135 delegati, contro i 104 del rivale. Ad oggi, con i tre quarti dei delegati assegnati, la Clinton può contare su ben 1911 delegati, mentre Sanders su 1229: solo una improbabile, se non impossibile, serie di successi di larga misura di Sanders può impedire alla Clinton di diventare la candidata democratica per le elezioni presidenziali.

Pubblicità
Pubblicità

In casa democratica, a questo punto, si è già alla ricerca di un clima di unità per combattere il candidato repubblicano alle elezioni presidenziali. In tal senso la Clinton ha già affermato la sua disponibilità a cooptare l'avversario Sanders in una futura squadra di governo.

Repubblicani divisi

Nel campo repubblicano la vittoria di Trump è stata ancora più schiacciante: con il 60% dei voti ha dato 40 punti di distacco al secondo, il governatore dell'Ohio John Kasich. Ancor più pesante è stato il risultato per Ted Cruz, il vero avversario di Trump per la corsa alla candidatura: il senatore ultraconservatore è stato letteralmente umiliato dall'elettorato newyorkese: evidentemente i valori conservatori sostenuti da Cruz mal si sposano con lo stile di vita della metropoli più importante del mondo.

Pubblicità

Il quadro complessivo in casa repubblicana però è ancora molto incerto, soprattutto perché, al contrario dei Democratici, i Repubblicani non sono affatto uniti sul nome del favorito che, anzi, è visto dall'establishment repubblicano come fumo negli occhi.

Ad oggi Trump conta su 833 delegati, ma per avere la certezza di essere nominato dovrà arrivare ad averne 1237, cioè il 50% + 1. In caso contrario diversi esponenti del partito repubblicano hanno già fatto capire che le opposizioni, pur di evitare che Trump corra per la Casa Bianca, sarebbero disposte a votare un candidato diverso [VIDEO] dal vincitore anche in contrapposizione alle indicazioni date dall'elettorato. Quindi a Trump mancano all'appello 404 delegati e il raggiungimento dell'obiettivo, considerando che ne rimangono ancora da assegnare in totale 634, è quantomai incerto. Prepariamoci quindi ad assistere ad una inedita ed inusuale convention repubblicana. #Esteri