A sorpresa il presidente del consiglio Matteo Renzi, ha deciso di appropriarsi del risultato del referendum, che a metà scrutinio già fa trapelare il risultato negativo, nettamente sotto il quorum necessario per essere considerato valido, del 50% + 1. Il governatore della regione Puglia Emiliano: “Questo risultato è notevole, in quanto 14 milioni di persone dicono al governo di cambiare politica, di non far entrare le lobby al governo”.

Emiliano accusa il governo di lobbismo

Durante la trasmissione di Speciale Referendum Tg La7, presieduta da Enrico Mentana così si è espresso il Governatore della Puglia Michele Emiliano: “Credo che commetta un errore se pensa di far finta di nulla.

Pubblicità
Pubblicità

Da stasera deve imparare ad ascoltare gli italiani” . Che sono stati eletti dal popolo italiano e non buttarla sempre in rissa”.  “L’essere non ricevuto nelle sedi competenti mi ha innervosito [...] noi dobbiamo riportare questo Paese nelle sue regole e le Regioni possono insegnare il presidente a rispettare tutti”. E ancora: “Non si deve più mentire: se non c’è commissione non si può determinare il decommissioning (ossia lo smantellamento)".

Renzi: "C'è stata ipocrisia da parte di chi non realizza infrastrutture"

Renzi in serata su Rai 1 ha definito alcuni tra i proponenti il referendum degli 'ipocriti', in quanto più interessati a una conta interna che un vero interesse di difesa dell'ambiente. I rapporti sono così deteriorati tra i due -come si fa notare da alcuni presenti in studio- che è difficile pensare che facciano parte dello stesso partito.

Pubblicità

“Io sono il presidente di tutti i pugliesi e ci siamo autotassati per realizzare questo referendum. Abbiamo piegato il governo sulle trivellazioni entro le 12 miglia e ora il governo dovrà fare i conti con le regioni. Di fronte a un referendum un ex presidente della Repubblica e presidente del consiglio invitano ad astenersi, e non può essere una vicenda  'chiusa' da una conferenza stampa di Renzi". Renzi ha chiamato ipocriti i promotori -consiglieri regionali e governatori- che poi non realizzano collettori e depuratori: “Non mi candiderò contro Renzi -chiosa Emiliano- ma non gli consento di trasformare questa battaglia in una vicenda ipocrita”. " 

Le regioni avevano chiesto di rivedere una norma

Emiliano affonda: "Le regioni avevano chiesto di rivedere le trivellazioni entro le 12 miglia. Il referendum non era stato proposto con questo quesito e il governo ha ritirato quello delle dodici miglia. L'abbiamo beccato nelle mani nella marmellata: perché non ha inteso assorbire altri quesiti con un decreto? Perché serve ad evitare alle compagnie petrolifere di smantellare le piattaforme e rimette in mano al governo le procedure per questo procedimento".

Pubblicità

Il dato di stasera del 32% di votanti dice che c'è stata una sconfitta, parliamo dei numeri -gli chiede il direttore in studio dello Speciale tg1 Orfeo-, "Mi rifiuto di pensare che il referendum sia andato male-gli risponde il governatore- se non perché per la prima volta il presidente del consiglio e l'ex presidente della Repubblica hanno dato indicazioni di voto, che tra l'altro secondo qualcuno è reato".  #Matteo Renzi