Si avvicinano le tanto attese #Elezioni Amministrative  della capitale (probabilmente si voterà il 5 giugno) e la confusione provocata dalla divisione nel centro-destra non è ancora stata chiarita. Stando a quanto si apprende Berlusconi e gli azzurri starebbero, in queste ultime ore, meditando di convergere sulla Meloni convinti che solamente uniti si possa evitare di restare fuori dai giochi al ballottaggio. Ciononostante una nuova lite tra Forza Italia e il Carroccio sembrererre allontanare anche per il momento questa possibilità di accordo e Giorgia Meloni ha intanto aperto ufficialmente la sua campagna elettorale ieri, giovedì 21 aprile sulla terrazza del Pincio. 

La sfida per il Campidoglio non è mai stata così ingarbugliata. Roberto Giacchetti e Virginia Raggi intanto sembrerebbero condurre in testa, ma alla pari, queste amministrative. 

Il candidato del centro-sinistra, Giacchetti, presenta le liste al comitato antimafia

Virginia Raggi, dal canto suo, è certa della vittoria, dicendosi fiduciosa dei cittadini romani che hanno voglia di legalità e di ripulire la città, e tuona verso i Rom "annate a lavorà", centrando uno dei problemi che più affligge i cittadini della capitale: i campi Rom.

Pubblicità
Pubblicità

Precisa inoltre che il M5S non giungerà ad alcun accordo con altri schieramenti politici in caso di ballottaggio.

Insomma, mentre i profili più eminenti di questa sfida politica, quali Raggi e Giacchetti (che ha rivendicato la trasparenza delle sue liste presentandole al comitato antimafia), sembrano essere piuttosto sicuri della propria vittoria, i candidati del centro-destra sono piuttosto sicuri di essere fuori dai giochi in caso di mancata convergenza su Giorgia Meloni. Bertolaso però ribadisce di non aver alcuna intenzione di abbandonare la corsa, nonostante le pressioni degli azzurri. Poca preoccupazione recano Marchini, Fassina o Di Stefano ma certo è che se tra Forza Italia e Lega non si giungerà ad un accordo i moderati regaleranno il Campidoglio a Grillo o a Renzi infliggendosi un autogoal che difficilmente i cittadini romani saranno disposti a perdonare! #Politica Roma