La situazione del Partito Democratico, dopo la faccenda 'Guidi', sembra complicarsi sempre di più: sia per quanto riguarda i #Sondaggi politici a livello nazionale sia per quanto riguarda quelli per le elezioni comunali 2016, il partito del premier sembra essere in difficoltà. La giornata di domenica 17 aprile, secondo i comitati No Triv e il M5S, potrebbe dare una prima spallata al governo Renzi: al momento sembra essere molto difficile che si possa raggiungere il quorum, ma, qualora accadesse, potrebbe essere letto come un voto per una politica differente in Italia e non soltanto dal punto di vista energetico. Secondo i Cinque Stelle, le prossime spallate al governo Renzi dovrebbero arrivare dalle amministrative di giugno e dal referendum in autunno.

Pubblicità
Pubblicità

Per quanto riguarda le elezioni comunali 2016, sono arrivati gli ultimi sondaggi politici, svolti per il programma PiazzaPulita, sulle città di Torino, Roma e Napoli

Elezioni comunali 2016: ultimi sondaggi politici su Torino e Roma

L'unica situazione che, stando ai sondaggi politici elettorali, sembra essere più o meno chiara è quella che riguarda la città di Torino: Fassino del PD, sindaco uscente, viene dato al 44% e l'unico avversario che può insidiarlo è Appendino del M5S al 27%, in quanto Auraudo di SEL/SI viene dato al 10% - se al primo turno sembra stravincere il candidato del PD, per quanto riguarda l'eventuale ballottaggio la differenza si ridurrebbe parecchio con un 55% per Fassino e un 45% per Appendino. La città di Roma, invece, vive momenti molto particolari e c'è la possibilità che il candidato del PD non arrivi al ballottaggio, qualora il centrodestra converga sulla Meloni (del resto Bertolaso è molto indietro nei sondaggi): la situazione al momento vede la Raggi del M5S in testa con il 27,4%, dietro Giachetti del PD con il 24,5% e Meloni di FdI/Lega Nord al 17,6%, più staccati Alfio Marchini con il 10,4%, Bertolaso con l'8,1% e Stefano Fassina con il 6,8%.

Pubblicità

Ultimi sondaggi politici sulla città di Napoli per le elezioni comunali 2016

La situazione più anomala di tutte è quella che riguarda la città di Napoli, dove ad essere favorito e ancora saldamente al comando è il sindaco uscente, Luigi De Magistris, che non è appoggiato da nessun partito 'importante' (se si esclude SEL/SI) e che fonda il suo consenso elettorale sulla sua personalità e la sua capacità di opporsi al premier Renzi (si veda la questione di Bagnoli). Al momento, dunque, il sindaco uscente è dato al 30%, subito dietro si attesta il candidato del centrodestra, Gianni Lettieri, con il 28%, più staccata, al terzo posto, Valeria Valente del PD, quella del presunto 'scandalo' sui voti alle primarie del suo partito, con il 24% delle preferenze; si segnala che il candidato del M5S sarebbe fuori dai giochi e rientrerebbe nella categoria 'Altri' che tutti insieme sono accreditati di un 18%. Al ballottaggio, infine, viene dato vincente Luigi De Magistris con il 55% dei voti contro il 45% di Lettieri del centrodestra.

Pubblicità

Per aggiornamenti su sondaggi e situazione politica italiana, cliccate su 'Segui' in alto sopra l'articolo.