Sfogliando l'enciclopedia di lingua italiana Treccani, sarà presto possibile incappare in un nuovo ed eloquente termine coniato dal giornalismo: la Salvinata.Come intuibile, questo sarcastico neologismo, vuole proprio riferirsi al leader della Lega Nord, Matteo Salvini ed in particolare alle sue ripetitive quanto stereotipate affermazioni su qualsivoglia tematica, nonché alle sue più tipiche trovate che d'ora in poi verranno meglio riassunte dal termine suddetto.

L'utilizzo frequente di questo aggettivo, rinvenibile non solo su varie testate giornalistiche, ma utilizzato spesso e volentieri dagli stessi politici in riferimento alle dichiarazioni di #Matteo Salvini, lo ha reso degno di entrare a pieno titolo nella famosa enciclopedia di scienze, lettere ed arti.

Pubblicità
Pubblicità

E' reso noto, infatti, che un neologismo, per poter entrare a far parte del repertorio linguistico di una nazione, debba essere chiaro, ma soprattutto utilizzato da molte persone e da tutti compreso. Un po' come è accaduto qualche tempo fa con il termine "Petaloso"

Non è mancato di certo il commento di Matteo Salvini ("Facciamo scuola...") al possibile ingresso del nuovo termine nell'Enciclopedia Treccani.

L'etimologia di "Salvinata" e il Generatore automatico dei post di Salvini

Enciclopedia alla mano, si potrà leggere quanto segue:

  • "Salvinata, sostantivo femminile singolare. Trovata o uscita tipica del politico Matteo Salvini. 
  • << Salvini sta affossando il Centro-Destra (...) le sue salvinate non producono risultati.>> (Messaggero.it.21Febbraio2015/Politica)

Sulla stessa lunghezza d'onda si trova un gruppo che su Facebook, ad oggi, conta più di 60.000 followers e che già da tempo dedicava spazio alle "salvinate" di Salvini, spesso condendole con irresistibile ironia.Il gruppo in questione ha già un nome di per sé eloquente: "Generatore automatico dei post di Salvini"  Al suo interno vengono solitamente riproposti gli stessi contenuti che il leader della Lega condivide sulla propria pagina privata, ma il più delle volte sono accompagnati da battute e vignette satiriche.

Pubblicità