Dopo un lungo procedimento presso il #Senato della Repubblica e conclusosi il 25 febbraio con l'apposizione della questione di fiducia dal Premier Renzi, il ddl sulle unioni civili approderà alla Camera a partire dal 9 maggio, con conclusione e quindi votazione finale il 12 maggio prossimo come già annunciato lo scorso mese dal premier Renzi. Come annunciato sulla sua pagina Facebook dalla relatrice Monica Cirinnà, si tratta di un grande cambiamento in Italia: "Finalmente anche l'Italia avrà, come la quasi totalità dei Paesi europei, una legge che mette tutti i cittadini in grado di amarsi e sviluppare il proprio progetto di vita in comune, riconoscendo non soltanto i diritti delle coppie same-sex che vogliono unirsi civilmente, ma anche di tutti coloro, etero e omo, che convivono e che per la legge italiana non esistevano. E' un primo grande passo di civiltà sociale e politica del nostro Paese come non se ne vedevano da oltre 30 anni.

Pubblicità
Pubblicità

Andremo avanti fino al pieno riconoscimento del matrimonio egualitario."

Cosa prevederà il ddl

Il Disegno Di Legge n. 2081 approvato in Senato apporta delle modifiche fondamentali rispetto al testo inizialmente presentato, uno su tutti l'abolizione della Stepchild Adoption che non è altro che la possibilità dell'adozione del figlio del partner e non dell'accesso all'istituto dell'adozione come avviene per le coppie eterosessuali ma solamente di offrire la possibilità, nel momento in cui viene a mancare il genitore naturale, di continuare ad avere diritti sul figlio del partner. Il #Pd si è già espresso in merito alla volontà di preparare una nuova proposta di legge per poter regolare situazioni simili. Per quanto riguarda i diritti che verranno concessi a coloro che accederanno all'istituto dell'unione civile sono molto similari ai diritti previsti alle coppie eterosessuali come la possibilità di ottenere il cognome dell'altro o di unire i due cognomi stessi, le parti sono tenute alla coabitazione a fornire assistenza morale e materiale, ci sarà la comunione dei beni se non differentemente deciso e si avranno anche gli stessi diritti in tema di pensione, eredità e TFR.

Pubblicità

Oltre alla Stepchild Adoption è stato eliminato anche l'obbligo di fedeltà che è stato oggetto di discussione sempre del PD che promette l'abolizione anche per le coppie eterosessuali in quanto inserito nel Codice Civile in tempi molto remoti e strettamente collegato al delitto d'onore e non certamente alla vera e propria fedeltà che appartiene alla sfera privata delle coppie e non certamente è oggetto di legge.

Lo scioglimento dell'unione civile avverrà come per il matrimonio con la differenza che non è necessario il periodo di separazione: non si tratta di una differenza con scopo di rendere l'unione civile meno importante ma ciò può garantire inferiori tempi per lo stato per le varie procedure e quindi uno snellimento delle pratiche. Le novità saranno anche presenti per le coppie eterosessuali che con questo nuovo testo posso scegliere appunto di non sposarsi con il classico rito matrimoniale ma possono scegliere di unirsi civilmente perdendo però l'eredita e la pensione di reversibilità, separazione dei beni in automatico.

Pubblicità

#Camera dei Deputati