Prosegue il dibattito parlamentare in merito al delicato tema dell'amnistia e dell'indulto: sono previste proprio a partire dalle 3.00 del pomeriggio di oggi le nuove sedute in Commissione Giustizia presso il Senato, mentre si proseguirà con la discussione politica sulla questione anche nella giornata di domani. Il nodo centrale del contendere resta l'esame congiunto delle bozze di legge Manconi - Falanga, con le quali si cerca di realizzare dei nuovi provvedimenti utili ad intervenire sul problema del sovraffollamento carcerario attraverso la concessione dell'#amnistia e dell'#indulto. Nel frattempo è atteso sempre per il pomeriggio di oggi l'intervento del Guardasigilli Andrea Orlando presso la Commissione giustizia della Camera dei Deputati, dove parlerà delle ultime novità riguardanti le leggi sulle adozioni e sull'affido.

Pubblicità
Pubblicità

Risale invece agli scorsi giorni l'incontro dello stesso Ministro con il Garante Nazionale dei diritti dei detenuti. Vediamo insieme qual è stato l'esito di quest'ultimo scambio.

Sovraffollamento nelle carceri: gli aggiornamenti sul Garante Nazionale dei diritti delle persone detenute

Stante la situazione, durante l'incontro della scorsa settimana tra il Guardasigilli e i componenti dell'Ufficio del Garante Nazionale vi è stato uno scambio di informazioni circa alcuni esisti riguardanti le prime visite effettuate nelle carceri italiane. Il ruolo occupato del Garante riguarda l'impegno allo sviluppo di un modello di vita detentiva migliore, obiettivo che si intende realizzare partendo da un'analisi della situazione sul campo. Si registra comunque un passo in avanti, visto che la legge numero 51 del 2006 comincia a sortire i primi effetti nelle diverse regioni d'Italia.

Pubblicità

Ultima in ordine di tempo è ad esempio l'Istituzione del Garante per la Regione Liguria, dove si punta "alla creazione presso il Consiglio Regionale di un nuovo organo di garanzia per le persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale e cioè detenute negli istituti penitenziari o in quelli penali per minori, nonché stranieri". 

Come da nostra prassi, restiamo a disposizione nel caso desideriate aggiungere un nuovo commento nel sito in merito alle ultime novità che vi abbiamo riportato. Se invece desiderate ricevere le prossime notizie di aggiornamento sulla politica vi ricordiamo di utilizzare la comoda funzione "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo. #Governo