Approda oggi al #Senato della Repubblica il nuovo disegno di legge costituzionale su #amnistia e #indulto ribattezzato subito "ddl Pannella". Il disegno di legge, presentato come primo firmatario dal senatore del Partito democratico Luigi Manconi in ricordo del leader storico dei radicali Marco Pannella, è stato accolto a Palazzo Madama trasversalmente riscuotendo il consenso anche da parte di una parte dell'opposizione. L'obiettivo del ddl Manconi è quello di modificare l'articolo 79 della Costituzione italiana per cambiare le regole per l'approvazione di leggi di indulto e amnistia, riducendo il tetto, attualmente fissato nella maggioranza dei 2/3 del Parlamento.

Pubblicità
Pubblicità

Basterà poi la maggioranza assoluta del parlamento per il varo di leggi di clemenza generale ad efficacia retroattiva auspicati anche da Papa Francesco contro il sovraffollamento carceri.

Indulto e amnistia, nuovo ddl costituzionale a Palazzo Madama nel nome di Pannella

"Sono concessi - si legge nel testo del ddl costituzionale su amnistia e indulto - con legge deliberata a maggioranza assoluta, il 50% più uno". Il "ddl Pannella" a prima firma Manconi depositato oggi a Palazzo madama è stato sottoscritto anche dal senatore di Forza Italia Altero Matteoli, dal senatore Beppe De Cristofaro, di Sinistra ecologia e libertà, e dal senatore del gruppo Gal, Luigi Compagna, già primo firmatario di uno dei quattro ddl per indulto e amnistia incardinati in commissione Giustizia al Senato.

Pubblicità

Manconi, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Madama, ha ricordato che le regole sull'iter legislativo per l'approvazione di amnistia e indulto sono state modificate per l'ultima volta (a parte le novità del ddl Boschi) durante Tangentopoli quando la politica volle rendere "difficilmente approvabili" i provvedimenti straordinari di clemenza per i detenuti.

Obiettivo effettivamente "raggiunto - ha detto oggi il senatore Manconi secondo quanto riferisce l'Agi - perché ad oggi è passato solo l'indulto del 2006". Una situazione che il presidente della commissione parlamentare per la promozione dei diritti umani ritiene "assolutamente negativa". "Sono provvedimenti a carattere eccezionale - ha ricordato il senatore dem parlando di indulto e amnistia - ma la situazione del sistema penitenziario - ha sottolineato - resta comunque emergenziale".