Bufera nelle Filippine. Questa volta non si tratta, fortunatamente, di una catastrofe naturale. Anche se, in certo qual modo, lo è. Dopo una lunga e faticosa campagna elettorale, Geraldine Roman ha potuto festeggiare la conquista di un seggio nella provincia di Bataan, a nord della capitale Manila.

Il Paese più cattolico del mondo

Si tratterebbe del primo caso nella storia di uno dei Paesi più cattolici al mondo. La Roman è cresciuta in una famiglia di politici. Come avviene per molti altri protagonisti della politica filippina, la neo-eletta, 49 anni, ha un eccellente "pedigree". Il seggio che la signora Roman ha conquistato era stato precedentemente occupato da sua madre.

Pubblicità
Pubblicità

Ha trascorso molti anni in Spagna, dove ha imparato diverse lingue e ha lavorato come redattrice in una agenzia di stampa spagnola. Nel 2012 è tornata a casa, nella provincia natale di Bataan, per prendersi cura dei suoi genitori anziani, promettendo di onorare la loro eredità politica.

Vittima di bullismo

Nel corso della campagna elettorale, la Roman ha condiviso ogni passo con la sua famiglia che non le ha fatto mai mancare il suo pieno appoggio. Suo padre - più degli altri - le aveva consigliato di "restare fiduciosa", malgrado gli episodi di discriminazione e di bullismo di cui il transgender era stata oggetto, per la sua identità di genere, anche a scuola.

"Che qualcuno della mia condizione stia per entrare in Congresso per la prima volta è una dimostrazione che anche le persone transessuali possono servire il nostro paese e non devono essere discriminate", ha dichiarato la Roman all'agenzia di stampa AFP durante la sua campagna.

Pubblicità

Non ci sono politici apertamente gay nelle Filippine. La leggenda del pugilato e uomo politico Manny Pacquiao aveva di recente attirato su di sé l'attenzione della stampa internazionale, per aver dichiarato che gli omosessuali sono "peggio degli animali". Salvo poi ritrattare.

Nel corso della sua carriera politica, i diritti dei gay sono sempre stati una priorità per Geraldine Roman, in un paese dove la maggioranza religiosa gioca ancora un ruolo importante. La nuova eletta nella provincia di Bataan si è dichiarata convinta che "se Gesù Cristo fosse vivo oggi, non approverebbe alcun tipo di discriminazione". #Esteri