Oggi la sentenza del tribunale di Cagliari e in seguito alla condanna, Soru si è dimesso dal Pd della Sardegna. Ed ha attaccato il giudice: "Non ho commesso reati, sentenza ingiusta". Altra brutta storia che vede ancora sotto i riflettori il partito democratico, con l'ultima vicenda che vede coinvolto il patron di Tiscali, accusato di una evasione di 2,6 milioni di euro nell'ambito di un prestito fatto dalla società Andalas Ldt (sempre di Soru) a Tiscali.

Condanna a tre anni per evasione fiscale

La condanna è di tre anni di reclusione per evasione fiscale su sentenza emessa dal giudice del tribunale di Cagliari Sandra Lepore.

Pubblicità
Pubblicità

Subito dopo la sentenza ingiusta a detta di Soru, ha mostrato un evidente disagio per un momento che ha definito grave e sicuramente importante nella sua vita. La speranza è che questa sentenza venga poi ribaltata nelle altre fasi del processo.

Dimissioni da segretario regionale del Pd sardo

Dopo qualche ora dalla sentenza emessa dal tribunale di Cagliari Soru si è successivamente dimesso da segretario regionale del Pd, prassi per molti versi, simile ad altre questioni già accadute in questi giorni. Tornano in mente le parole del Premier Renzi, che pur ribadendo tolleranza zero per i corrotti, riferendosi alla questione di Lodi e al lavoro dei magistrati, dava un sorta di percentuale legata al malaffare che a suo dire coinvolgeva il Pd. Concretamente oggi il partito democratico, governa quasi tutto, buona parte degli oltre 8 mila comuni e delle regioni, quindi in percentuale si parte svantaggiati quando si fa riferimento alla corruzione o alla cattiva politica, insomma questione di numeri.    

M5s e lega all'attacco

La risposta diciamo giustificativa del premier non è certo quello che l'Italia ma soprattutto le opposizioni si aspettano e l'ennesimo caso di oggi non poteva che dare ulteriori ripercussioni, a partire dal M5S. Infatti il movimento ha subito messo in risalto il fatto che un evasore al fisco (appena condannato) non poteva continuare a fare l'eurodeputato.

Pubblicità

Vari tweet si sono rincorsi, fino ad arrivare al "#SoruDimettiti", lanciato da Alessandro Di Battista, membro del direttorio M5S. Lo stesso Salvini leader della Lega Nord, ha dichiarato: "Le mele marce le hanno tutti, ma nel Pd sono troppe". #Governo #Matteo Renzi #Politica Roma