Già a Pisa nella giornata dedicata all'Internet Day c'erano stati scontri e polemiche tra la polizia e i manifestanti, contro Renzi e il decreto Salva banche del #Governo. Le polemiche però non hanno fine e anche oggi il premier Renzi, è stato duramente contestato a Reggio Calabria al grido: “Serve lavoro”. Lui: “Polemiche del mondo dei no”.

La visita prevedeva l’inaugurazione del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, uno dei più prestigiosi d’Italia che ospita varie opere, tra cui i Bronzi di Riace e Matteo Renzi ha preferito per evitare le polemiche e i contestatori entrare dalla porta di servizio. Il presidio dei contestatori è stato organizzato dalle sigle sindacali della Cgil e dell’Usb e l’accusa rivolta a Renzi è stata incentrata sulla mancanza di lavoro.

Pubblicità
Pubblicità

I contestatori si sono lamentati, contro le inutili inaugurazioni e passerelle politiche. 

Renzi non si scompone

Renzi all'interno del museo dove era prevista la manifestazione d'inaugurazione è passato al contro attacco, contro chi lo contesta: "Se vogliamo che non solo il Crotone torni in serie A, ma che lo faccia l’intera Calabria, dobbiamo prendere un impegno tutti insieme". La cerimonia è poi proseguita, con la firma del Patto per la Calabria e per Reggio Calabria, con il governatore Mario Oliverio e il sindaco Giuseppe Falcomatà.        

Governo contro le polemiche

Il viaggio del premier al sud è poi proseguito in Sicilia, per firmare i patti di Catania e Palermo, preceduto anche qui da una lunga scia di polemiche per la nuova inaugurazione voluta per la riapertura del viadotto Himera in direzione Palermo.

Pubblicità

In realtà non si tratta di una nuova infrastruttura, ma si è riaperto al traffico un pezzo di autostrada chiusa da oltre un anno a seguito di in crollo.

Problemi mai risolti e i fondi non ci sono

Stavolta i contestatori siciliani si sono lamentati, perché la cerimonia a dir loro è stata una farsa per qualcosa che già c'era. Il problema più serio e grave è che non c’è un euro per i dissesti della vallata dell’Himera, zona assolutamente pericolosa che ben presto porterà a nuovi crolli dell’autostrada. Rincara ancora le polemiche contro Renzi il sindaco di Caltavuturo Domenico Giannopolo: "Invece che alla farsa della cerimonia per la riapertura della carreggiata vada a rendere omaggio alla lapide che ricorda l'omicidio di Pio La Torre visto che domani ne ricorre l'anniversario, se ne è dimenticato". #Matteo Renzi