Si avvicinano le elezioni amministrative in Italia e tra i diversi comuni interessati avremo anche alcuni capoluoghi di regione. È proprio in queste città che assisteremo ad avvincenti sfide tra i candidati in lizza per la poltrona di sindaco. A poche settimane dalla tornata elettorale emergono dati circa le intenzioni di voto dei cittadini, che di seguito andremo ad evidenziarvi. Si tratta dei #Sondaggi politici effettuati da Scenari Politici, che si riferiscono a Napoli, Bologna e Torino

Elezioni amministrative a Napoli, De Magistris in testa

L’ultima rilevazione effettuata a Napoli mostra il sindaco uscente De Magistris in testa con il 38%, mentre alle sue spalle è sfida aperta tra Lettieri (Cdx - 23 per cento) e Valente (Csx - 21 per cento) per chi andrà al ballottaggio.

Pubblicità
Pubblicità

Troviamo poi il candidato del Movimento 5 Stelle, Brambilla, al 14%, mentre gli altri conquistano solo il 4%. Al secondo turno, ipotizzando un testa a testa, la spunterebbe sempre De Magistris: contro il centrodestra vincerebbe 63% a 37%, contro il centrosinistra 58% a 42% e contro il M5S 60% a 40%. A quanto pare non ci sarebbe partita e la lotta principale sarebbe più che altro per la seconda posizione. 

Elezioni comunali a Bologna, Merola per la riconferma

Molto simile è la situazione a Bologna, dove sembra quasi scontato il bis di Merola, che attualmente comanda con il 43%. L’esponente del Csx è inseguito a debita distanza da quello del Cdx, Borgonzoni, che si attesta al 30%, mentre è più lontano Bugani del movimento grillino (16 per cento). A seguire c’è Martelloni al 7%, con gli altri al 4%.

Pubblicità

Chiunque vada al ballottaggio, non ci sarebbero grosse chance di vittoria, visto che il primo cittadino uscente batterebbe sia il centrodestra (55% vs 45%), che il M5S (57% vs 43%). Dunque, la seconda città italiana, dopo quella napoletana, dove la riconferma è praticamente certa, salvo sorprese clamorose. 

Elezioni amministrative a Torino, Fassino a caccia del bis

I sondaggi elettorali mostrano un andamento praticamente identico a Torino, dove Fassino del Partito Democratico è leader assoluto, con quasi la metà delle intenzioni di voto (47 per cento). Il sindaco uscente si guarda le spalle solo da Appendino del Movimento 5 Stelle, che è praticamente doppiata (23 per cento); a seguire ci sono Morano al 12%, sostenuto da Lega Nord e Fratelli d’Italia, Airaudo all’8%, appoggiato da Sinistra Italiana, Napoli al 5%, candidato di Forza Italia, ed infine Rosso con la sua lista civica al 4%. Gli altri si trovano all’1%. Al secondo turno avremmo una vittoria a mani basse di Fassino sul più quotato del centrodestra (62% vs 38%), mentre il duello contro la grillina sarebbe più equilibrato (54% vs 46%).  #Elezioni Amministrative