L'analisi dei #Sondaggi politici aggiornati al 4 maggio conferma come il M5S sia in netta ripresa e ormai ad un passo dal Pd e il Centrodestra. L'effetto Renzi sembra svanito, mentre i contrasti all'interno della coalizione liberale potrebbero giocare un brutto scherzo a Forza Italia e Lega Nord. Tutto sembra giocare a favore del Movimento 5 Stelle, che continua, a piccoli passi, a racimolare punti preziosi sulla coppia di testa. Almeno è questa la fotografia scattata dall'istituto EMG per il Tg di La7. 

Gli ultimi sondaggi politici di EMG segnalano il M5S al 28,0 per cento, in rialzo dello 0,4 per cento rispetto a 7 giorni fa.

Pubblicità
Pubblicità

Un dato che pone i grillini a circa due punti di distanza dalle due principali forze politiche del Paese. L'impennata rispetto a fine febbraio è clamorosa: +2,5 per cento, quanto ha perso il Centrodestra in tre mesi. Il cambio di passo del Movimento e le difficoltà dei partiti tradizionali hanno portato ad uno scenario fino a pochi mesi fa impensabile. 

Non va meglio per i democratici, con il Pd al 30,7 per cento, fondamentalmente lo stesso risultato (+0,2) di sette giorni fa. Attualmente il Partito democratico è primo, avendo scavalcato il Centrodestra, seppur di un soffio. La sinistra però dovrà fare i conti nei prossimi giorni con un nuovo caso di 'malapolitica', che vede coinvolto il sindaco di Lodi Simone Uggetti, arrestato per turbativa d'asta. Uggetti è succeduto a Lorenzo Guerini (ora vicesegretario Pd) nella carica di primo cittadino della città lombarda.

Pubblicità

Prosegue il calo dei liberali, con il Centrodestra al 30,5 per cento, percentuale che certifica il secondo posto alle spalle del Pd. Le polemiche di Roma non giovano all'immagine di quell'unità ostentata in occasione della manifestazione di Bologna, che ad oggi appare soltanto un sbiadito ricordo. Gli ultimi dati sul candidato alla poltrona di sindaco di Roma indicano una flessione per Marchini e un rialzo per Giorgia Meloni, non esattamente quanto preventivato dal Cavaliere dopo la sostituzione di Guido Bertolaso, finito in panchina per far posto al moderato Alfio. 

Entrando nel dettaglio dei nuovi sondaggi politici, Forza Italia e Lega Nord hanno perso un punto percentuale. Il partito di Silvio Berlusconi è all'11,6 per cento (-0,3) mentre la Lega Nord è al 14,3 per cento (-0,6). Stabile invece Fratelli d'Italia al 4,6 per cento, davanti a Sinistra Italiana e AP, a testimonianza di come la Meloni sia tenuta in grande considerazione da una parte dell'elettorato.