Terminati i ballottaggi Comunali 2016 a Roma e Torino, le donne del Movimento 5 Stelle, rispettivamente Virginia Raggi (con le preferenze doppie rispetto a Giachetti (67,15%) e Chiara Appendino (ribalta il risultato del primo turno e batte Piero Fassino con il 45,44%), battono il Pd. Questo doppio risultato al femminile per il M5S è un risultato storico, infatti, le candidate si preparano ad amministrare due capoluoghi di regione e tra questi anche la Capitale d’Italia. Chi sono nel dettaglio Virginia Raggi e Chiara Appendino, rispettivamente elette a sindaco della città di Roma e di Torino? Vediamo maggiori dettagli a riguardo.

Chi sono: Virginia Raggi e Chiara Appendino 

All'indomani della vittoria di Virginia Raggi (la prima donna nella storia a ricoprire la carica di sindaco della capitale) e Chiara Appendino (sindaco di Torino), vediamo di conoscerle meglio.

Pubblicità
Pubblicità

Iniziamo con la 37enne Virginia Raggi (candidata del M5S lo scorso 23 febbraio), la quale svolge la professione di avvocato civilista, ed era consigliera comunale dal 2013 con 1525 preferenze. In questi tre anni all’ opposizione si è occupata soprattutto di questioni relative alla scuola e all’ambiente. La 31enne Chiara Appendino, il nuovo sindaco di Torino, fa parte anche essa del M5S, laureata in Economia all’università Bocconi di Milano, attualmente è esperta di contabilità e bilanci, ha cominciato a fare politica nel 2010, nel 2011 è stata eletta in consiglio comunale (occupandosi, tra le altre cose della pianificazione finanziaria nella Juventus).

Ballottaggi 2016, boom M5s

Premesso che il Movimento 5 stelle conquista Roma e Torino, vincendo in 19 dei 20 comuni in cui si è presentato per le elezioni amministrative, ciò attesta un risultato 'storico' per M5s.

Pubblicità

A salvare i democratici è però soprattutto la vittoria del di Beppe Sala (51,7%) a Milano, inoltre, a Napoli è stato riconfermato Luigi De Magistris, così come a Bologna Virgilio Merola. Questa vittoria del M5S sarà data dal fatto che gli italiani non credono più a Renzi? #Elezioni politiche