Il prossimo 23 giugno nel Regno Unito si voterà per decidere se uscire dall’Unione Europea. Il Brexit sarà un referendum che influenzerà l’economia degli altri Paesi, qualunque sia il risultato. TNS France si è occupato di queste “influenze” e ha intervistato telefonicamente, di persona e online dei campioni di 100 persone dai 18 anni in su, in 10 Paesi europei: Italia, Regno Unito, Polonia, Francia, Germania, Danimarca, Finlandia, Repubblica Ceca, Lussemburgo, Paesi Bassi e Irlanda.

Le risposte hanno rivelato un crescente euroscetticismo. Ciononostante, il 51% dei cittadini intervistati è ancora a favore dell’Unione (economica) Europea.

Pubblicità
Pubblicità

Si tratta perlopiù dei rappresentanti dei Paesi più ricchi, Germania, Lussemburgo, Paesi Bassi. Mentre in Grecia spicca nel grafico TNS un comprensibile 71% contro l’UE, ritenuta la vera responsabile della crisi economica che ha sconvolto il Paese. Anche negli altri Paesi la percentuale di euroscettici è in crescita rispetto ai sondaggi del 2015. In Francia, ad esempio, si parla del 61%. Non è un caso infatti che questo sondaggio sia stato fatto proprio in Francia.

La CNN sottolinea un aspetto del sondaggio, ovvero il fatto che la situazione in Inghilterra (che in questo momento è il Paese che ci interessa di più) non è così netta: il 41% dei britannici sostiene che voterà per rimanere nell’UE, mentre il 43% è a favore della Leave Campaign di Boris Johnson.

Il sondaggio

Alla domanda “Personalmente, preferisce che il Regno Unito resti membro dell’#Unione Europea?” tutti hanno risposto di sì.

Pubblicità

Così come tutti gli intervistati hanno affermato con assoluta certezza che “al prossimo referendum i britannici voteranno per restare nell’UE” e tutto ciò che rimarrà del referendum sarà una montagna di bandierine e striscioni costati un occhio della testa e destinati alla spazzatura.

Quasi tutti i rappresentanti dei Paesi intervistati si sono trovati d’accordo sulle conseguenze negative che l’uscita del Regno Unito avrebbe sull’economia degli altri Paesi. L’UE, pertanto “funzionerebbe meno bene”.

Che cos’è il TNS

TNS Public Affairs è un centro che si occupa della raccolta di dati nella sfera pubblica col fine di migliorare le strategie e le decisioni dei vari governi per cui lavora. Viene utilizzato anche da organizzazioni non governative, da varie istituzioni, partiti politici e società in tutto il mondo. #Esteri