Agli inizi, l’icona del Movimento Cinque Stelle era il fondatore e guru Beppe Grillo. Oggi, sui giornali di tutto il mondo, la rappresentante degli “indignados” dell’Italia è il nuovo sindaco di Roma, Virginia Raggi. Avvocatessa e consigliere comunale, Raggi ha 37 anni ed è diventata la prima donna a guidare il Comune della capitale. Secondo il New York Times, “l’ascesa di Raggi, nonostante la sua relativa inesperienza (è stata eletta per la prima volta tre anni fa per un incarico pubblico), ha molta relazione con la delusione verso i partiti tradizionali dell’Italia”.

Il quotidiano americano sostiene che il Movimento Cinque Stelle è riuscito a posizionarsi come un’alternativa per il voto di centro.

Pubblicità
Pubblicità

Non è più, quindi, soltanto un voto di protesta.

La pubblicazione ricorda che la campagna di Raggi è stata molto più moderata rispetto allo stile a cui Grillo aveva abituato gli italiani. Il movimento si è svincolato dal fondatore e cammina da sé. “Si tratta di una generazione nuova che chiede un rinnovo del sistema che considera corrotto”, spiega il quotidiano degli Usa. #M5S #Cronaca Roma #Elezioni Amministrative