Dopo il nostro recente articolo di aggiornamento sulla situazione politica in Italia torniamo ad occuparci di #amnistia e #indulto, seguendo prima di tutto gli ultimi appuntamenti nell'agenda del Guardasigilli riguardanti il tema dell'esecuzione penale. Nella giornata di oggi il Ministro Andrea Orlando è tornato infatti a parlare della situazione carceraria al Convegno Carini (Pa). L'appuntamento ha avuto inizio alle quattro del pomeriggio con lo scopo di approfondire "l'espiazione della pena e i diritti fondamentali della persona", con un approccio che deve essere inteso come una riflessione di approfondimento sulla situazione carceraria. Durante l'evento sono intervenuti anche diversi rappresentanti della magistratura, dell'avvocatura e del mondo accademico palermitano, mentre è stato proprio il Ministro della giustizia a chiudere il convegno con l'esposizione delle proprie conclusioni.

Pubblicità
Pubblicità

Situazione delle carceri, i nuovi appelli da parte del Sappe

Nel frattempo dalle carceri arrivano nuovi appelli ad un intervento da parte del Sindacato di Polizia Penitenziaria Sappe, dopo la denuncia di altri episodi di disagio dovuti al problema del sovraffollamento carcerario. Gli ultimi in ordine di tempo riguardano le carceri della Basilicata e quello di Salerno, dove il sindacato arriva addirittura a chiedere un intervento dell'esercito. La provocazione arriva dal carcere di Fuorni, all'interno del quale si sarebbero susseguite nuove aggressioni, oltre ad azioni di violenza e protesta. Gli agenti parlano di una situazione "a rischio di deflagazione" e si dicono pertanto "pronti anche ad azioni eclatanti", come riporta il quotidiano di Salerno e Provincia "la Città".

Pubblicità

Ma non va meglio in Basilicata ed in particolare presso il carcere di Potenza, recentemente visitato da una delegazione del Sappe dopo gli episodi di violenza verificatisi negli ultimi tempi. I rappresentanti dei baschi azzurri parlano del carcere come di un luogo in condizioni di grave fatiscenza delle strutture, ma anche afflitto da una grave carenza del personale. "Non è facile gestire una popolazione detenuta multietnica [...] senza strumenti, senza personale, senza risorse economiche, senza strutture idonee", ha ricordato il Sappe Basilicata in un recente comunicato.

Come da nostra prassi, restiamo a disposizione nel caso desideriate aggiungere un nuovo commento in merito alle ultime novità che vi abbiamo riportato. Se invece preferite ricevere le prossime notizie di aggiornamento sulla politica vi ricordiamo di utilizzare la comoda funzione "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo. #Governo