Matteo Renzi continua nel suo impegno politico e cerca di mantenere gli impegni presi durante questo mandato. Dopo gli ormai famosi 80 euro, il Jobs Act e l'eliminazione dell'IMU il presidente del Consiglio sembra aver confermato nel suo punto social #matteorisponde ai suoi elettori e fan che il Bonus Giovani potrà essere richiesto dal primo settembre 2016. Non solo queste le promesse del Primo Ministro italiano che sembra essere intenzionato a dare una sterzata al proprio esecutivo per rilanciare la sua immagine a livello nazionale che sembra un po' macchiata dopo la relativa sconfitta del Partito Democratico alle amministrative dopo la sconfitta a Roma, quella a sorpresa a Torino e la vittoria al ballottaggio in una città come Bologna.

Pubblicità
Pubblicità

Proprio questi segnali hanno indotto Renzi ad accelerare sui lavori del Parlamento per portare a casa risultati concreti ed importanti dato che siamo in arrivo a tornate elettorali molto importanti fra cui il referendum costituzionale e le possibile politiche del 2017 o nel migliore dei casi per l'ex sindaco fiorentino nella primavera del 2018.  

Bonus Cultura, ecco come richiederlo

Possono richiedere il bonus cultura tutti i giovani che hanno compiuto 18 anni nel 2016 e sono perciò nati nel 1998. Il bonus può essere richiesto attraverso un'app che dovrà essere scaricata e attraverso la quale si potranno spendere i 500 euro di bonus in libri scolastici, libri, biglietti del cinema e del teatro. Ancora non è totalmente chiaro se l'importo consisterà in voucher o in altre modalità che verranno delineate prossimamente dal Governo.

Pubblicità

L'app in questione potrà essere scaricabile prossimamente e il tutto ha garantito Renzi in #matteorisponde sarà pronto e avviato dal primo settembre dell'anno corrente.

Per rimanere aggiornato su altre novità relative al Bonus Giovani, sulle scadenze e sulle modalità di erogazione del bonus oltre ad opportunità di lavoro sul territorio nazionale clicca sul tasto "Segui" che trovi sopra il nome del redattore dell'articolo.  #Lavoro giovani #Matteo Renzi