Il blogger di Byoblu, Claudio Messora, che in passato aveva lavorato per il gruppo #M5S all'europarlamento gestendone la comunicazione, dalle colonne del suo blog ha sferrato un duro attacco a M5s, sostenendo che il movimento si sarebbe avvicinato ai poteri forti, ed in particolare a Mario Monti e alla Commissione Trilaterale. Alle accuse il M5S ha risposto tramite la propria pagina Facebook, definendole "illazioni non veritiere" e annunciano che presto sporgeranno querela contro di lui.

L'attacco di Claudio Messora

Messora sostiene che il giornalista Marco Gaiazzi avrebbe appreso da fonti attendibili e testimoni oculari che M5S avrebbe cambiato linea politica su certe tematiche, dopo un intervento di Mario Monti che avrebbe mediato affinché M5S abbandonasse il referendum sull'Euro e la modifica in chiave europeista, di un articolo pubblicato sul blog di Grillo e dedicato alla Brexit, che durante la notte è stato "ammorbidito" eliminando ogni riferimento all'Euro; ad esempio nella prima versione del post veniva definito come "cappio da cui liberarsi".

Pubblicità
Pubblicità

Messora sostiene che il cambio di rotta sarebbe stato avvertito anche dalle posizioni espresse dal movimento sia sui media, sia sul blog di Grillo.

Nell'articolo rivolto al Movimento, Messora inserisce un riquadro evidenziato in rosso, dove ricorda la natura di M5S: un movimento nato per sostenere la democrazia diretta, dove le decisioni vengono assunte dai cittadini o sottoposte loro mediante la rete. "I giochi di palazzo e gli accordi sottobanco sono considerati un tradimento", conclude Byoblu.

La replica del M5s

La replica del movimento non si è fatta attendere. Non è arrivata dal blog o dalla pagina Facebook di Beppe Grillo, che fino ad ora non si è espresso sul caso, ma dalla pagina "MoVimento 5 Stelle", che raccoglie oltre 767mila fan. Il post, che non riporta in calce nessuna "firma", non risponde alle accuse, bensì definisce "fantasie" e "illazioni infondate" le esternazioni di Messora, il quale "ha lavorato per gli europarlamentari M5S ed è stato licenziato", sottintendendo che si tratti di una "ritorsione".

Pubblicità

Nel post, il M5S annuncia querela nei suoi confronti.

La risposta di Messora all'annuncio della querela

Non si è fatta attendere la contro-replica di Messora, con un post sul suo blog, intitolato "quando M5S era contrario alle querele", dove ripropone un video ed un articolo dove Beppe Grillo si esprime contro le querele per diffamazione, spesso utilizzate come mezzo per cercare di tappare la bocca ai giornalisti e alle voci "scomode". Messora sostiene di non essere preoccupato dalla denuncia, in quanto il suo articolo rientrerebbe nel "diritto di critica".