Ludwig Feuerbach diceva 'L'uomo è ciò che mangia', asserzione quanto mai valida e attuale. Secondo il filosofo tedesco, se si vogliono migliorare le condizioni spirituali di un popolo bisogna partire da quelle materiali. Questo perché esiste un legame indissolubile tra psiche e corpo. Ma in realtà tale pensiero potrebbe affondare le sue radici nella nota locuzione latina di Giovenale: 'Mens sana in corpore sano'. 

Ecco la nuova proposta di legge Scuola

Ora, al di là di tale premessa, anche la #Scuola sembra seguire questo concetto. Infatti, il 19 luglio è stata depositata alla Camera una proposta di legge in cui si chiede di introdurre nei distributori automatici delle scuole solo merendine e bibite sane.

Pubblicità
Pubblicità

Un caso simile si è già verificato in Cile, dove l'iniziativa nasce per combattere l'obesità della popolazione. 

I primi firmatari sono Luigi Dallai, Massimo Fiorio e Umberto D'Ottavi. I tre deputati del Pd hanno promosso uno stile di vita più sano rispetto alle merendine presenti oggi nelle macchinette della scuola. Bisogna partire da una corretta e consapevole alimentazione e per porre le basi occorre iniziare proprio dalla scuola. Gli alimenti ricchi di grassi, sali e zuccheri dovranno essere limitati. 

Nel comunicato stampa Luigi Dallai dichiara che nel nostro bel paese sono alte le percentuali di ragazzi e ragazze in sovrappeso o obesi, rispettivamente il 36% e il 34%. Gli studi inoltre dimostrano che i giovani in sovrappeso sono più predisposti a diverse patologie, come il diabete e l'alterazione dei grassi nel sangue.

Pubblicità

L'elenco degli alimenti che verranno accettati e il loro dosaggio verranno scelti in un secondo momento. 

A Salerno: merenda sana portata dai genitori

Orizzonte Scuola informa che iniziative volte a sensibilizzare i più giovani sull'importanza di un'alimentazione sana sono già state condotte dalla città di Salerno. In alcune scuole i genitori hanno deciso di portare a turno per tutti i bambini della classe una merendina sana: frutta, verdura, pane e marmellata, mandorle e tanti altri alimenti. Il risultato è stato davvero soddisfacente, perché i bambini che non erano abituati a mangiare frutta hanno iniziato ad apprezzarla, mentre chi era abituato alle merendine pre confezionate si è abituato alla novità. 

Per rimanere aggiornati su scuola e sulle ultime offerte di lavoro in Rai per insegnanti, seguiteci, cliccando in alto sul tasto 'Segui'.  #Salute bambini