#Donald Trump non smette di far parlare di sé. Questa volta il rimprovero proviene da un candidato del suo stesso partito, il Senatore John McCain, il quale ha prontamente preso le distanze dai commenti di Donal J. Trump sulla famiglia di un Musulmano dell’Esercito caduto, dicendo: “Sebbene il nostro partito gli abbia conferito una nomina, non è accompagnata dall’illimitata licenza di diffamare coloro che tra di noi sono i migliori.” Il Senatore John McCain, un eroe di guerra che ha servito ed è stato anche catturato in Vietnam, era stato a sua volta deriso da Donald Trump. Dopo l’offesa mossa contro i familiari del Capitano Humayun Khan, aveva atteso in un lungo silenzio la fine del week end per poter rilasciare questo lunedì un’accusa diretta.

Pubblicità
Pubblicità

"Negli ultimi giorni, Donald Trump ha denigrato i genitori di un soldato caduto. Ha suggerito che a persone simili a loro figlio non dovrebbe essere consentito stare negli Stati Uniti - per non parlare dell’entrare in servizio. Non posso sottolineare abbastanza quanto profondamente non sia d’accordo con la dichiarazione di Mr. Trump. Spero che gli americani capiscano che le sue osservazioni non rappresentano il punto di vista del nostro partito repubblicano, dei suoi funzionari o dei suoi candidati.”

Il rispetto per i militari è stato al centro della carriera di McCain, il quale è stato candidato dal suo partito nel 2008 e attualmente serve come presidente della Commissione Forze Armate del Senato. Inoltre, è nota la sua stretta fedeltà alla famiglie delle vittime nei conflitti.

Pubblicità

McCain al momento concorre per la rielezione in Arizona, suo stato natale. "Indosso un braccialetto che porta il nome di un eroe caduto, Matthew Stanley, che sua madre, Lynn, mi ha dato nel 2007”, ha scritto McCain. "La sua memoria e la memoria dei nostri grandi leader meritano tutto il mio rispetto."

"Non cadiamo in errore: non valorizzo i militari che non servano i nostri principi", ha scritto. "Sono cresciuto in una famiglia di militari, e ho avuto il mio record personale in servizio, e sono stato a stretto contatto con le nostre forze armate in tutta la mia carriera pubblica. Nel sistema americano, l'esercito ha valore solo in quanto protegge e difende le libertà del popolo ". Ha poi aggiunto: "Alla fine, sono moralmente obbligato a parlare solo delle cose a cui ho giurato fedeltà, alle quali ho dedicato il lavoro della mia vita: il partito repubblicano, e ancor più importanti, gli Stati Uniti d'America. Non mi asterrò ‎dal fare del mio meglio semplicemente perché può beneficiarne un altro, con cui non sono d'accordo.

Pubblicità

Non rivendico nessuna superiorità morale su Donald Trump. Ho una lunga e ben nota schiera di opere nel pubblico e nel privato per le quali dovrò rispondere al giudizio finale, e ripongo la mia speranza nella promessa di misericordia e la moderazione di età. Sfido il candidato a dare l'esempio di ciò che il nostro Paese può e deve rappresentare. "

L’intera famiglia di McCain ha criticato Mr. Trump. A partire da sua figlia Meghan McCain, la quale ha detto su Twitter: "Vorrei chiedere che tipo di barbaro avrebbe attaccato i genitori di un soldato caduto, ma oh sì, è la stessa persona che attacca prigionieri di guerra."

 

In un post su Medium.com, proprio sotto il titolo, "Per questa repubblicana, mai Trump significa 'Io sono con lei'", aggiungendo la foto di Hillary Clinton, la nipote Caroline è andato oltre, dicendo che a Mr. Trump "manca il temperamento e la saggezza per navigare il nostro sempre più sempre più pericolosa mondo."

“Decisioni politiche a parte, essere presidente degli Stati Uniti richiede una mano ferma e mai come ora", ha scritto. "Un comandante in capo competente deve rispondere alle minacce alla repubblica, ma Trump risponde solo alle minacce contro il suo ego."  #politica #TrumpTweets