Anche in America si parla di politica italiana e le opinioni internazionali circa lo stato di salute del #Governo Renzi trovano spazio nelle prime pagine dei principali quotidiani statunitensi.

Per il noto quotidiano Renzi perderà la sua poltrona

Il New York Times, nell’edizione di oggi, 17 agosto 2016, in maniera succinta, parla apertamente dei problemi che stanno per affliggere definitivamente #Matteo Renzi, a proposito dei risultati elettorali relativi al prossimo referendum costituzionale. Il problema si presenterebbe anche in caso di vittoria del ‘Si’; senza ma e senza se - secondo il NYT - il Premier dovrà necessariamente lasciare il suo prestigioso incarico, a meno di possibili ed eventuali 'inciuci' con Forza Italia.

Pubblicità
Pubblicità

I sondaggi di questi giorni sono tutti a lui sfavorevoli e l’unica via di uscita per il politico fiorentino consisterebbe in un clamoroso colpo di reni verso il rilancio dell’economia italiana, troppo ferma e poco avvincente per gli italiani. Secondo la testata giornalistica americana, il Matteo nazionale dovrà necessariamente risollevare le sorti del suo Governo solo con l’arma del rilancio economico e fiscale, in netto contrasto, quasi certamente, con i dettami e le regole ferree dell’Unione Europea a cui dovrà necessariamente rispondere a muso duro.

Renzi, Novembre per lui decisivo

Analizziamo nel dettaglio la puntuale analisi politica relativa ai possibili scenari e risultati referendari relativi alle sorti del Governo in carica e del suo Presidente del Consiglio dei Ministri. Se dovesse prevalere la volontà degli italiani di non voler cambiare i 40 articoli della Carta Costituzionale, Matteo Renzi sarà costretto a dimettersi – così come ha più volte dichiarato pubblicamente – mettendo a rischio la sua rielezione e quella dell’attuale compagine governativa con tutti gli uomini di cui oggi è costituita tale coalizione.

Pubblicità

Paradossalmente, le cose potrebbero complicarsi nel caso in cui prevarrebbe al referendum di novembre il ‘Si’, a fronte della nuova riforma elettorale, dimezzata di una delle due camere attuali, e cioè il Senato. Quindi, il #M5S sarebbe l’unica forza politica in grado di fornire una solida maggioranza di governo, quantità in termini numerici e qualità in termini politici, duratura e pronta a governare l’Italia.

Il M5S potrebbe vincere nel 2018

Pertanto, comunque vada a finire, il povero Matteo si troverebbe con l’acqua alla gola. Ecco cosa pensa la stampa internazionale della politica interna italiana. A conclusione di un recente articolo pubblicato dall’Huffington Post, il riferimento al Movimento 5 Stelle è assolutamente proverbiale e si pone l’accento su una possibile eventualità concreta: ‘… il Movimento 5 stelle potrebbe vincere nel 2018’. Per rimanere sempre aggiornati su altre notizie di Politica, vi invitiamo a cliccare Segui.